MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

PUBBLICATI I DUE REPORT SUL MERCATO DELL'ARTE 2017. TENDENZE E ATTESE: ECCOLI ENTRAMBE PER I LETTORI DI MADE

July 12, 2017

 

 

Anche per il mercato mondiale dell'arte è nel periodo estivo che si tirano le prime somme, e sulla scorta dei dati, stilare le analisi tendenziali del mercato sulla scorta dei con proiezioni verosimili ed ecco che sono stati pubblicati due tra i piu importanti report sul mercato dell'arte. Abbiamo pensato di pubblicarli insieme affinchè possiate avere un quadro d'insieme il piu completo possibile.

Potete scaricarli integralmente e gratuitamente qui:

 

 

 

TEFAF Art Market Report 

 

 

 

 

 

 

UBS Global Art Market Report 2017

 


 

Art Basel con UBS Global ha quindi pubblicato la inaugurale relazione sul mercato dell'arte  - un'analisi annuale globale e macro-analisi del mercato dell'arte e dell'antiquariato realizzata da un'organizzazione indipendente di analisi economica: Art Economics, fondata da Clare McAndrew, che è anche autore della pubblicazione e precedentemente autore del TEFAF Art Market Report.

Sono strumenti indicativi ma molto utili, primi nel loro genere per raccogliere e analizzare i dati del mercato dell'arte su scala globale; come tutti i rapporti vanno saputi leggere ed interpretare e sopratutto incrociare tra loro. Noi di MADE vogliamo riesaminare con voi i principali risultati emersi.

Clare McAndrew, autorice del report UBS e fondatrice di Art Economics 

 

Gli esperti di Art Economics hanno trascorso l'anno raccogliendo e analizzando dati da rivenditori, case d'aste, collezionisti d'arte e antichi, banche dati d'arte e finanziari, esperti del settore e altri agenti rilevanti coinvolti nel settore dell'arte. Entrambe le pubblicazioni esamina le tendenze chiave del mercato dell'arte globale, segnalando come le diverse regioni, settori e segmenti di valore si sono evoluti durante tutto l'anno. Vediamo quali dati si pongono in evidenza

 


Le vendite globali nel 2016

 

 

Quota del mercato globale degli Stati Uniti, Regno Unito e Cina 2006 - 2016. Immagine gentilmente concessa Art Economics, Art Basel e UBS Global

 

 

Il primo capitolo del rapporto fornisce una panoramica del mercato globale in generale, esaminando il valore, il volume e la distribuzione regionale delle vendite di arte e di oggetti d'antiquariato nel 2016 e lo confronta con il decennio precedente. Dopo i cedimenti economici generali post-2008, il mercato dell'arte globale ha registrato un calo dell'11 per cento nel 2016 rispetto al 2015, raggiungendo una cifra totale di circa 56,6 miliardi di dollari.

I tre principali attori del mercato dell'arte globale (Stati Uniti, Regno Unito e Cina), pur progressivamente consolidano il loro dominio con un 82% di tutte le vendite globali per valore, hanno subito sensibili contrazioni. Gli Stati Uniti sono scesi del 16 per cento nel 2016 a 22,9 miliardi di dollari, ciò dovuto in gran parte a risultati mediamente più bassi realizzati nel settore delle aste, mentre il mercato britannico è sceso del 12 per cento nel corso dell'anno a 12 miliardi di dollari a causa del calo del valore della sterlina, intensificato dopo i risultati di Brexit a giugno 2016. Nel frattempo le vendite in Cina sono diminuite del 2 per cento, raggiungendo complessivamente 11.5 miliardi di dollari.

 


I commercianti d'arte 

 

 

La distribuzione di venditori per canale

 

Se qualcuno avesse dei dubbi sulla prominenza delle gallerie quali dealer nell'era di Internet, il secondo capitolo della relazione li chiarisce in maniera netta: le gallerie si confermano come il canale più importante per le vendite per i collezionisti nel 2016, mantenendo il 51 per cento del mercato. Le fiere dell'arte stanno però crescendo: nel 2016 le vendite di arte attraverso le fiere arrivano a 13,3 miliardi di dollari, con un incremento del 57 per cento dal 2010. Come tali, i commercianti stanno guadagnando sempre più dalle fiere d'arte, ma le fiere d'arte costano anche di più: le fiere erano la più grande voce di spesa del rivenditore nel 2016, rappresentando il 22 per cento dei loro costi totali. Le vendite online si sono rivelate un canale minore con solo l'8% del totale.

La relazione si concentra anche sui risultati del settore delle aste, considerando le vendite per regione e segmento di valore. A causa della riduzione delle vendite nelle aste statunitensi e delle prestazioni relativamente stabili in Cina, le vendite in aste cinesi hanno superato il mercato statunitense nel 2016, dando alla Cina la quota di mercato leader con il 34% rispetto al 32% negli Stati Uniti.

Gli art Buyers

 

 

Il rapporto ha anche offerto informazioni aggiornate delle più grandi case d'asta di top-tier sui profili dei loro acquirenti. Mentre gli acquirenti provengono da tutto il mondo, gli acquirenti statunitensi tendeno a rappresentare una media leggermente più grande nel 2016. Il rapporto suggerisce, tuttavia, che l'influenza degli acquirenti statunitensi è diminuita negli ultimi dieci anni, in particolare con l'aumento di acquirenti asiatici. La relazione ha raccolto ulteriori dati direttamente da singoli concessionari, che hanno anche riportato una gamma geograficamente diversificata di acquirenti. La maggior parte dei concessionari consultati (69 per cento) ha tuttavia citato gli acquirenti statunitensi come tra i tre migliori incrementi per nazione di compratori (dal 59 per cento del campione nel 2015).

 

I settori dell'arte

 

 

 

 

Quote di mercato per settore del mercato d'asta delle opere d'arte nel 2016.

 

Il rapporto divide l'arte in cinque categorie storiche: il Mercato delle Belle Arti, la Post War, l'Arte Contemporanea, l'Arte Moderna, l'Impressionista, il Post-Impressionismo e infine Old Master, confermando che il più grande settore del mercato dell'arte nel 2016 sono il Post War e l'Arte Contemporanea, che rappresenta il 52% del mercato. Questi due settori sono stati anche i più esposti in tutto il mondo, che rappresentando una quota del 92% delle mostre nel 2016.

Il 2015 è stato un anno migliore rispetto al 2016; gli artisti viventi hanno però rappresentato il 41% del valore delle vendite nel settore post-war e contemporaneo, in calo del 7%. Le opere più vendute di artisti viventi erano The Grand Snowing Mountains (2013) di Cui Ruzhuo a USD 39.6 (venduta da Poly Auction in China), seguito da AB, Still (1986) di Gerard Richter. L'arte moderna è rimasta il secondo settore più grande del mercato dell'arte, che rappresenta il 23% del valore delle vendite e il 29% in volume. Il dipinto più costoso del settore moderno è stato il Femme Assise di Pablo Picasso, venduto da Sotheby's nel Regno Unito per 63,8 milioni di dollari.



La ricchezza mondiale

 

 

 

 

I due rapporti forniscono anche una panoramica contestuale dell'aumento di valore mondiale, mostrando come i cambiamenti nella dimensione e nella distribuzione della ricchezza all'interno e tra regioni stanno modellando le tendenze del mercato dell'arte. Su questo punto il capitolo 5 mostra risultati che confermano, nonostante la crisi finanziaria globale, che ha visto l'alto tasso di crescita di valore netto del 25 per cento nel corso del 2008-2009, l'aumento di valore netto è cresciuto di quasi quattro volte negli ultimi 20 anni.

La regione Asia-Pacifico è il motore principale: la relazione conferma l'Asia-Pacifico come la regione che esprime il maggior numero di individui ad alto incremento nel 2016. Con ricchezze che raggiungono i 17,4 miliardi di dollari, la regione Asia-Pacifico supera l'America del Nord (ferma a 16.600 miliardi di dollari) e questo per la prima volta nella storia. Certamente ciò è in parte attribuibile al fatto che  i tassi di crescita sono più rapidi nelle economie emergenti e asiatiche, gli Stati Uniti restano comunque  il più grande polo di ricchezza in tutto il mondo con un considerevole margine.

 

L'occupazione nel mondo dell'arte

 

 

 

 

Profilo di genere e età nel settore del rivenditore nel 2016

 

Secondo i due report, il mondo dell'arte ha impiegato direttamente circa 3 milioni di persone nel 2016, con un incremento del 5% rispetto al 2015. A differenza della più ampia forza lavoro in molte regioni, l'equilibrio di genere nel mercato dell'arte si è dimostrato prevalentemente Femminile nel 2016, con le donne che costituiscono il 59 per cento della forza lavoro tra gli operatori, il 62 per cento nelle case d'asta di alto livello e il 54 per cento nel secondo livello.

 

 

 

Marco O. Avvisati

Please reload

Featured Posts

BIENNALE D'ARTE DI VENEZIA: ECCO TUTTI I 79 ARTISTI PRESENTI

April 22, 2019