MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

PRIMA DI COMPRARE UN'OPERA D'ARTE QUALI RICERCHE FARE SULL'ARTISTA?

July 6, 2018

 

Sia per ignoranza che per disinformazione, non è raro vedere i novizi acquistare opere senza sapere molto più del nome dell'artista. Non ci riferiamo a coloro che comprano arte per gusto personale o per fare il pandant con il colore del divano, ai quali va tutta la nostra stima, perchè il criterio è il piacere e comunque si fermano a cifre modeste, ma ci riferiamo agli "altri"; quelli che comprano arte per il "nome", la moda, la notorietà. Questi acquirenti partono dal presupposto che le firme da sole o la tendenza del momento siano una giustificazione adeguata per investire in opere d'arte, specialmente se i nomi in questione sono piuttosto noti.

Il più delle volte, questi acquirenti finiscono per scottarsi, vittime di venditori poco scrupolosi che sono più che felici di fare soldi facili rifilando arte mediocre al prezzo di opere eccellenti.

 

 

Le chiavi per non cadere in questi errori da principiante sono di essere sempre consapevoli del fatto che non ogni singolo pezzo d'arte con la firma di un artista conosciuto è automaticamente collezionabile, di valore o di qualità superiore, e di fare ricerche prima di comprare per conoscere gli artisti dietro le opere d'arte.

Se si vuole pagare per un autografo prestigioso, sia pure, ma questo non significa che la carta su cui è diventi per questo di per se un capolavoro.

 

 


Distinguere le opere d'arte che vale la pena di acquistare e quelle no


Volendo approfondire il tema del paragrafo precedente, arriveremo alla giusta domanda: cosa rende degno di acquisto un particolare pezzo d'arte?

O, in altre parole, cosa rende un'opera d'arte buona e degna di nota sotto ogni aspetto?

 

 

Dare una risposta univoca non è possibile da queste pagine non conoscendovi personalmente e per non voler fare la parte del superficiale di cui sopra. Ma possiamo però condividere alcune linee guida che poi starà a voi contestualizzare con il vostro mondo e mentalità. La risposta quindi alla domanda su come distinguere l’arte che varrebbe la pena acquistare parte dal consiglio che, almeno per sommi capi, bisogna comprendere (non solo sapere) gli elementi salienti della vita, della carriera,  della persona e se volete della poetica di chi l'ha realizzata .

 

 

Ribadiamo che non tutte le opere degli artisti piu noti sono dei capolavori e che spesso il valore di queste opere è piu dato dalla firma che dall'opera stessa, ma conoscendo abbastanza l'artista e le sue opere, senza fermarsi al solo suo nome, si può più facilmente evitare di pagare troppo per dell'arte da poco. In realtà, l'unica ragione per cui l'arte modesta ha persino un mercato è che persone disinformate tendono a comprarla seguendo il criterio elementare (scolasticamente inteso) per cui pagare relativamente poco un’opera con la firma di un grande maestro è un affarone e li fa sentire scaltri, salvo poi scoprire che quel “relativamente poco” non è poi tanto poco se lo confrontiamo con l’opera in se.

 

 

Come tutti noi, gli artisti non fanno tutte le ciambelle con il buco nell’arco della loro vita, anche se sono restii ad ammetterlo, a riprova di questo, non sono poi così rari i casi in cui siano stati gli stessi grandi maestri ad aver, distrutto, cancellato e  disconosciuto alcune loro opere e potete ben immaginare che non sia piacevole trovarsi nella propria collezione un’opera che lo stesso autore consideri un rimorso.

Se volete quindi investire nella buona arte ed evitare di acquistare "sberle", dovreste imparare a distinguere tra le buone opportunità e quelle che sono semplicemente troppo belle per essere vere .

 

 


Cercare l'artista dietro l'opera

 

 
Se pur sommariamente vediamo una serie di suggerimenti generali che vi aiuteranno a conoscere l'artista e il lavoro a cui siete eventualmente interessati. Questi criteri devrebbero essere il vostro modus operandi sicuramente prima ancora di pensare a apparire il libretto degli assegni e comunque ci limiteremo a suggerirvi strumenti più o meno alla portata di tutti:

 

  • Il World Wide Web è uno strumento sorprendente quando si tratta di ricercare qualsiasi cosa, quindi, sfruttatelo al meglio. Cercate in Internet le informazioni sull'artista dal maggior numero di fonti possibili - idealmente, ci sarà una selezione di cataloghi raisonnés tra cui scegliere  ma saranno sufficienti anche semplici articoli o interviste.

 

 

  • Cercate le recensioni dell'artista al meglio delle vostre capacità. Sia sulla stampa che online, prendete il maggior numero di opinioni che potete trovare e da quante più fonti possibili.

  • Le recensioni dei grandi critici d’arte sono spesso utili, ma attenzione ad affidarvi solo a questi, leggete anche articoli di firme meno note; i primi sono autorevoli, ma qualche volta un po’ troppo integrati nel sistema da cui traggono profitto.

 

 

  • Se possibile, cogliete ogni occasione per vedere il lavoro dell’artista e magari proprio l’opera che vi interessa di persona . Lo potrete fare in gallerie o musei, in collezioni private o nello studio dell'artista.

  • Non siate ne presuntuosi o al contrario umili:  parlate chiaramente con coloro che sono più informati di quanto lo siate voi. Potreste parlare per esempio con altri collezionisti, galleristi e curatori che hanno più familiarità con quell’artista o periodo artistico, incrociando tra loro le opinioni che ne ricaverete,  facendovi una vostra opinione perché anche loro, a vario titolo, hanno un loro clienti erdonale interesse che non è detto sia il vostro.

 

 

  • Per i contemporanei seguite sempre l'artista sui social media e tenete sotto controllo il loro sito web. In questo modo, potrete vedere dove stanno esponendo il loro lavoro, quanto sono produttivi, cosa gli altri hanno da dire sulla loro arte, che tipo di premi o di copertura ricevono, come vendono pezzi, le gallerie che lo vendono o che lo rappresentano, e persino i curatori o i critici se ne avete la possibilità.

  • Sicuramente tra questi consigli il più piacevole è anche il più utile: guardate quanta piu arte di quanto sia umanamente possibile. L'unico modo per imparare perché un pezzo è più desiderabile o più costoso di quello accanto è fondamentale e non potrà insegnarvelo nessuno ma lo si può imparare e così facendo capirete anche quale è l'arte giusta per voi e per il vostro portafoglio. E non c'è altro modo di iniziare a capire veramente l'arte che osservarla, non importa chi sia l'artista.

 

 

  • Infine, se siete abbastanza fortunati da avere la possibilità di parlare o corrispondere direttamente con l'artista, fatelo senza remore. Se sono disposti, chiedete loro di parlartvi di particolari fasi della carriera o stili della loro arte. Sarete sorpresi di quanto spesso e in profondità gli artisti siano disposti a discutere del loro lavoro anche se non vi conoscono personalmente.

  • Siate pazienti. Non andate in giro a spendere soldi duramente guadagnati su potenziali occasioni d'affari finché non siete veramente certi di cosa state facendo per la semplice ragione che il rischio supera semplicemente i potenziali guadagni.

 

 

Capiamo che messa in questi termini raggiungere una buona ed utile educazione artistica di base suona come un vero e proprio lavoro con i suoi costi di tempo ed energie, ma dato che quando si parla di soldi ed investimenti si può e si dovrebbe anche provare soddisfazione ma non si sta giocando, non c'è altro modo di aggirare questo ostacolo.Il trucco, tuttavia, sta nell’avere la giusta mentalità e sufficiente distacco; le quali comunque son buone pratiche non solo nel mondo dell’arte.

 

 

Se amate veramente l'arte, allora cercare di conoscerla, di viverla, di incontrarla e di conseguenza sempre più spesso di riconoscerla; frequentate i suoi posti ed andate a trovarla in una mostra, due, tre, quattro e incontrerete persone interessanti che condividono gli stessi sentimenti a riguardo e sarà un piacere puro, per non parlare del vivere una grande avventura in prima persona .

 

 

La parte migliore? Più farete "legwork", più vi informate meglio e più diventate discriminanti come acquirenti e non solo, vi accorgerete che più riconoscete l’arte, più questa riconoscerà voi! Nel senso che ad un volto noto, presente, visto e rivisto nell’ambiente dell’arte è più probabile offrano opportunità veramente interessanti e meno probabile vi si avvicinino i venditori di sogni. E poi, una volta che siete in grado di identificare l'opera d'arte perfetta per voi e sapete tutto su di essa, comprarla arriva senza rischi ed è più un passaggio tecnico che altro - a parte il denaro che devete pagare per averla, ovviamente.

 


Opere Tardive VS opere giovanili & opere di media carriera


Forse la radice più comune degli acquisti di arte di modesta qualità può essere fatta risalire al non sapere la differenza tra opere d'arte di inizio, metà e fine carriera di un artista e come si collegano queste fasi l'una contro l'altra.

 

 

Tutti gli artisti degni di nota hanno periodi nella loro carriera piu fortunati ed altri meno e la loro arte di determinati momenti è migliore dell'arte prodotta in altri periodi. Anzi, in linea di massima, se un artista ha un solo ed unico periodo della sua creatività, diffidate della sua qualità perchè significa che non ha fatto "ricerca", non ha evoluto la sua creatività e si è limitato a riprodurre il un determinato segno. Più si ricerca e si impara a conoscere un artista, più diventa facile identificare quali pezzi appartengono al suo periodo d'oro, e quali sono i posti migliori dove trovarli.

Inutile dire che questo vi aiuterà anche a capire le giuste fasce di prezzo per qualsiasi cosa si intenda comprare.

 

 

Come regola non scritta, i collezionisti solitamente preferiscono opere d'arte di espressione della prima o media carriera piu che i pezzi successivi. I lavori tardivi possono spesso essere di natura troppo commerciale, o ripetizioni di second'ordine di precedenti successi. Ci sono eccezioni a questa regola, tuttavia, se siete alle prime esperienze, vi consigliamo di tenerla in considerazione per i primi acquisti.

 

 

Marco O.Avvisati

 

 

Il Consiglio per le letture: 

 

A nostro giudizio il libro migliore e più facile per capire come acquistare, vendere, cercare e collezionare opere d'arte, oltre a come cercare e capire gli artisti su cui porre l'attenzione, è  "The Art of Buying Art"; una guida di 284 pagine di Alan S. Bamberger, noto esperto di mostre, autore e editorialista. Bamberger fornisce le informazioni necessarie per trasformare chiunque in un consumatore di arte informato, per proteggere i collezionisti dai cattivi acquisti e per aiutarli a imparare come ricercare artisti basandosi esclusivamente sul loro nome.

Il pezzo finale di consulenza su come ricercare gli artisti
Infine,

 

Riferimenti:

 

Barton, S., 18 aprile 2018, Fine Art può essere un investimento eccellente , Investopedia [20 giugno 2018]
Messham-Muir, K., 22 ottobre 2014, Tre semplici passaggi per capire l'arte: guarda, vedi, pensa , The Conversation [20 giugno 2018]

 

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts