MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

STORIA DEL COLORE BLU. Dagli egizi fino ad oggi, con qualche curiosità

July 16, 2018

 

l colore blu è associato a due delle più grandi caratteristiche naturali della Terra: il cielo e l'oceano. Ma non è sempre stato così. Alcuni scienziati ritengono che i primi esseri umani erano in realtà daltonici e potevano solo riconoscere il nero, il bianco, il rosso e solo successivamente il giallo e il verde. Di conseguenza, i primi umani senza alcun concetto di colore blu non avevano parole per descriverlo. Ciò si riflette anche nella letteratura antica, come Odissea di Omero, che descrive l'oceano come un "mare rosso vino".

Il blu è stato inizialmente prodotto dagli antichi egizi che hanno capito come creare un pigmento permanente per le arti decorative. Il colore blu ha continuato ad evolversi per i successivi 6000 anni, e alcuni pigmenti sono stati utilizzati anche dai grandi maestri dell'arte per creare alcune delle opere più famose. Oggi continua ad evolversi, con l'ultima variante scoperta meno di un decennio fa. 

 

 

 

il Blu Egizio

 

Juglet egiziano, ca. 1750-1640 aC (Foto:  Met Museum , Rogers Fund e Edward S. Harkness Gift, 1922. (CC0 1.0))

 

C'è una lunga lista di cose per cui possiamo ringraziare gli antichi egizi per averle inventate, e uno di questi è il colore blu. Considerato il primo pigmento di colore prodotto sinteticamente, il blu egizio (noto anche come cuprorivaite) è stato creato intorno al 2.200 aC. Era costituito da calcare macinato mescolato con sabbia e un minerale contenente rame, come l'azzurrite o la malachite, che veniva poi riscaldata tra il 1470 e il 1650 ° F. Il risultato fu un vetro blu opaco che poi  schiacciato veniva combinato con agenti addensanti come gli albumi d'uovo per creare una vernice o una glassa duratura.

Gli egiziani tenevano la tonalità in grande considerazione e la usavano per dipingere ceramiche, statue e persino per decorare le tombe dei faraoni. Il colore rimase popolare in tutto l'Impero Romano e fu usato fino alla fine del periodo greco-romano (332 aC-395 dC), quando nuovi metodi di produzione del colore iniziarono ad evolversi.

 

Figura di un leone. circa. 1981-1640 aC (Foto:  Met Museum , Rogers Fund e Edward S. Harkness Gift, 1922. (CC0 1.0))

 

Curiosità: nel 2006, gli scienziati hanno scoperto che il blu egiziano emette luce sotto le luci fluorescenti, indicando che il pigmento emette radiazioni infrarosse. Questa scoperta ha reso molto più facile per gli storici identificare il colore su manufatti antichi, anche quando non è visibile ad occhio nudo.

 

 

il Blu Oltremare

 

"Vergine col bambino e donne santi" di Gérard David, 1500. (Foto:  Wikimedia Commons )

 

La storia del blu oltremare iniziò circa 6.000 anni fa quando la gemma vibrante e semipreziosa di cui era costituita, il lapislazzulo, iniziò ad essere importata dagli egiziani dalle montagne dell'Afghanistan. Gli egiziani cercarono ma fallirono nel trasformarlo in una vernice, con risultati che davano un grigio opaco. Quindi preferirono usare il lapislazzulo per fare gioielli e acconciature.

Conosciuto anche come "vero blu", il lapislazzulo apparve per la prima volta come pigmento nel VI secolo e fu usato nei dipinti buddisti di Bamiyan, in Afghanistan. Fu rinominato ultramarino, che significa "oltre il mare" per esprimerne l'intensità, quando il pigmento fu importato direttamente in Europa dai commercianti italiani durante il 14 ° e il 15 ° secolo. La sua profonda qualità blu reale era molto ricercata tra gli artisti che vivevano nell'Europa medievale, ma era appannaggio di opere dedicate ai grandi signori, poiché era prezioso quanto l'oro.

 

"Ragazza con un orecchino di perla" di Johannes Vermeer, circa 1665. (Foto:  Wikimedia Commons)

 

I blu ultramarini erano quindi di solito riservati solo alle commissioni più importanti, come le vesti blu della Vergine Maria in Gérard, la Vergine di David e il Bambino con le Sante . Si dice che Johannes Vermeer per dipingere la ragazza con l'orecchino di perla, abbia amato così tanto questo colore fino a spingere la sua famiglia ad indebitarsi per averlo. Il blu oltremare rimase estremamente costoso fino a quando un ultramarino sintetico fu inventato nel 1826, da un chimico francese, che fu poi giustamente chiamato "Ultramarino francese".

 

Curiosità: gli storici dell'arte credono che Michelangelo abbia lasciato incompiuto il suo dipinto "la deposizione di Cristo" ( 1500-01) perché non poteva permettersi di acquistare più blu oltremare.

 

 

 

il Blu Cobalto
 

"The Skiff (La Yole)" di Pierre-Auguste Renoir, 1875. (Foto:  Wikimedia Commons) 

 

Il blu cobalto risale all'VIII e al IX secolo e fu usato per colorare ceramiche e gioielli. Questo è stato particolarmente usato in Cina, dove veniva utilizzato sulle porcellane tipiche con motivi blu e bianchi. Una versione più pura a base di allumina fu scoperta dal chimico francese Louis Jacques Thénard nel 1802, e la produzione commerciale iniziò in Francia nel 1807. I pittori come JMW Turner, Pierre-Auguste Renoir e Vincent Van Gogh iniziarono a usare il nuovo pigmento come un'alternativa al costoso blu oltremare.

 

 "Dinky Bird" di Maxfield Parrish, 1904. Via Wikimedia Commons

 

Fatto curioso : il blu cobalto è talvolta chiamato blu Parrish perché l'artista Maxfield Parrish lo ha usato per creare i suoi skyscap distinti, intensamente blu

 

 

 

 

il Ceruleo
 

"Summer's Day" di Berthe Morisot, 1879. (Foto:  Wikimedia Commons

 

 

Originariamente composto da stannato di magnesio e cobalto, il blu ceruleo del cielo è stato perfezionato da Andreas Höpfner in Germania nel 1805 con la torrefazione di ossidi di cobalto e stagno. Tuttavia, il colore non era disponibile come pigmento artistico fino al 1860 quando fu venduto da Rowney and Company sotto il nome di coeruleum. L'artista Berthe Morisot ha usato il ceruleo insieme al blu oltremare e al blu cobalto per dipingere il cappotto blu della donna in Un giorno d'estate del 1887.

 

Curiosità: nel 1999, Pantone pubblicò un comunicato stampa che dichiarava il ceruleo come il "Colore del millennio" e "la tonalità del futuro".

 

 

 

Indaco

 

 Indaco, collezione di tinture storiche dell'Università tecnica di Dresda, Germania. (Foto:  Wikimedia Commons)

 

Sebbene il blu fosse costoso da usare nei dipinti, lo era era molto meno da usare per i tessuti perchè esisteva una alternativa. A differenza della rarità del lapislazzulo, a dare la svolta fu l'arrivo di una nuova tintura blu chiamata "indaco" proveniente da una pianta lasciata macerare, chiamata indigofera tinctoria, tipica delle regioni umide. 

 

Tessuti tinti indaco (Inghilterra), anni '90. (Foto: Matt Flynn tramite Wikimedia Commons)

 

L'uso dell'indaco per la tintura dei tessuti era molto popolare in Inghilterra ed era usato per tingere gli abiti indossati da uomini e donne di ogni estrazione sociale. L'indaco naturale fu sostituito nel 1880, quando fu sviluppato l'indaco sintetico. Questo pigmento è ancora usato per tingere i blue jeans. Negli ultimi dieci anni gli scienziati hanno scoperto che i batteri Escherichia coli possono essere utilizzati  per produrre la stessa reazione chimica che produce l'indaco nelle piante. Questo metodo, chiamato "bioindaco", giocherà un ruolo importante nella produzione di denim ecologico in futuro.

 

Curiosità: Sir Isaac Newton, l'inventore dello "spettro dei colori", credeva che l'arcobaleno dovesse consistere di sette colori distinti per abbinare i sette giorni della settimana, i sette pianeti conosciuti e le sette note nella scala musicale. Newton sosteneva che fosse presente l'indaco, insieme all'arancio, anche se molti altri scienziati contemporanei credevano che l'arcobaleno avesse solo cinque colori.

 

 

 

il Blu navy

 

 

Cadetti della Marina in uniforme, 1877. (Foto:  Wikimedia Commons)

 

Formalmente conosciuto come blu marino, la tonalità più scura del blu, conosciuta anche come blu navy, era adottata come colore ufficiale per le uniformi della Royal Navy britannica ed era indossata da ufficiali e marinai dal  1748. Da allora le marine moderne hanno poco a poco oscurato il colore delle loro uniformi quasi nero nel tentativo di evitare lo sbiadimento dovuto a sole e salsedine. La colorazione indaco era la base per i colori blu navy storici risalenti al XVIII secolo.

 

Blu "cadetto spaziale"

 

Curiosità: la prima è che la scelta delle marine militari del colore blu non fosse un omaggio al colore del mare, ma meno poeticamente perchè su questo colore erano meno evidenti le macchie di sangue durante le cruente battaglie. La seconda curiosità è che tra le molte varianti del blu navy, è incluso il blu cadetto spaziale, un colore che è stato formulato nel 2007. Questa tonalità è associata alle uniformi dei cadetti nella marina spaziale; un servizio militare immaginario armato con il compito di esplorare lo spazio esterno.

 

 

 

il Blu di Prussia


 

"The Great Wave off Kanagawa" di Katsushika Hokusai, 1831. (Foto: Wikimedia Commons)

 

Conosciuto anche come Berliner Blau, il blu di Prussia è stato scoperto accidentalmente dal produttore di tinture tedesco Johann Jacob Diesbach. In effetti, Diesbach stava lavorando alla creazione di un nuovo rosso, ma uno dei suoi materiali, la potassa, era entrato in contatto con sangue animale. Invece di rendere il pigmento ancora più rosso come ci si potrebbe aspettare, il sangue animale ha creò una reazione chimica sorprendente, risultando in un blu vibrante.

 

Pigmento blu di Prussia. (Foto:  Wikimedia Commons )

 

Pablo Picasso usò il pigmento blu di Prussia esclusivamente durante il suo Periodo Blu, e l'artista giapponese Katsushika Hokusai lo utilizzò per creare la sua iconica The Great Wave di Kanagawa, così come altre stampe nella sua serie di trentasei panorami del monte Fuji.  Il pigmento del blu di Prussia non è stato usato solo per creare capolavori; nel 1842, l'astronomo inglese Sir John Herschel scoprì che il blu di Prussia aveva una sensibilità unica alla luce, ed era la tonalità perfetta per creare copie di disegni. Come "blu degli ingegneri" viene infatti miscelato con un materiale oleoso e strofinato su una superficie metallica; questa viene a sua volta strofinata con un'altra superficie di riscontro e la rimozione del pigmento indica la posizione dei punti in rilievo. Quindi può essere usato per indicare la regolarità di una superficie o di un supporto

 

Curiosità: oggi il blu di Prussia viene usato in forma di pillola per curare l'avvelenamento da metalli.

 

 

 

International Klein Blue

 

"L'accord bleu (RE 10)", 1960 di Yves Klein. (Foto:  Wikimedia Commons)

 

Alla ricerca del colore del cielo, l'artista francese Yves Klein ha sviluppato una versione opaca del blu oltremare che considerava il miglior blu di tutti. Ha registrato l'International Klein Blue (IKB) come marchio e la tonalità profonda è diventata la sua firma tra il 1947 e il 1957. Ha dipinto oltre 200 tele monocrome, sculture e persino modelli umani dipinti nel colore IKB in modo che potessero "stampare" i loro corpi su tela.

 

 

 "IKB 191", 1962 di Yves Klein. (Foto: Christophe Brocas via Flickr)

 

 

Un fatto divertente: Klein una volta ha detto "il blu non ha dimensioni. È oltre le dimensioni ", credendo che potrebbe portare lo spettatore fuori dalla tela stessa. Ma anche il famoso stilista francese Yves Saint Laurent fu rapito dal blu tanto da crearne una tonalità tutta sua: il Couleur bleu Majorelle. Nome che viene dal nome di Louis Majorelle, ebanista francese da cui lo stilista comprò la villa a Marrakech, dominata da un colore blu, che Saint Laurent chiamò appunto bleu Majorelle, il quale è anche un marchio depositato.

 

Curiosità: gli artisti che intendono rappresentare la profondità della notte piu profonda, non usano il nero puro, ma lo correggono con del blu, perchè per le sue caratteristiche di assorbimento della luce da piu profondità.

 

 

L'ultima scoperta: YInMn
 

YinMn Blue. (Foto:  Wikimedia Commons)

 

Nel 2009, una nuova sfumatura di blu è stata scoperta per caso dal professor Mas Subramanian e dal suo studente Andrew E. Smith all'Oregon State University. Mentre esplorava nuovi materiali per produrre conduttori elettrici, Smith scoprì che uno dei suoi campioni diventava di un blu acceso quando riscaldato. Denominato YInMn blu , dopo la sua composizione chimica di ittrio, indio e manganese, ha rilasciato il pigmento per uso commerciale a giugno 2016.

 

 

 

Marco O. Avvisati

 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: