MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

COSA È L’ART FLIPPING E COME FUNZIONA. Opportunità o speculazione?

July 27, 2018

 

 

 

Secondo la definizione "ufficiale", flipper dell'arte si riferisce la rivendita rapida e finanziariamente vantaggiosa di un'opera d'arte sottovalutata. Raramente è stata una tecnica commerciale tipica del mondo dell'arte; il flipping è una pratica comune che è ampiamente praticata in quasi tutti gli altri mercati, ma da quando l'arte ha sposato la finanza, anche in questo settore si è diffusa questa peratica.

Diversi importanti mercanti d'arte hanno recentemente evidenziato che il numero di persone che rivende istantaneamente opere d'arte non è mai stato così alto, il che ha molto senso: il mercato dell'arte è l'ambiente ideale per lanciare un oggetto. È molto più facile, avendo la necessaria liquidità, acquistare arte e ottenere un rapido profitto tra il prezzo di acquisto e di rivendita rispetto a fare lo stesso con, diciamo, una automobile.

 

 

Esempi di rivendita di opere d'arte ci sono ad ogni livello del mercato, siano opere vendute su eBay o presso importanti case d'asta. Ma è certo che i circoli di alto profilo del mondo delle gallerie e dei mercanti, sono in prima linea in questo metodo e segmento, anche se meno evidenti.

Diamo uno sguardo più da vicino a come l'arte che rimbalza influisce sul mercato nel suo insieme, così come su come questa strategia di tipo di speculazione si collochi con diversi ruoli del regno dell'arte.

 

 Jean-Michel Basquiat - Warrior, 1982
 


 

Alcuni esempi di operazioni di flipping


Uno dei più citati esempi di arte flipping è la storia del Jean-Michel Basquiat s' Warrior, un dipinto che è stato messo all'asta tre volte tra il 2005 e il 2012, ed in questo periodo, il prezzo salito di un incredibile 450 percento!

Un dipinto del cielo di Alex Israel che ha recentemente venduto per oltre $ 1 milione è un altro buon esempio in quanto il prezzo è stato di oltre 10 volte quello che opere simili della stessa serie valevano al momento della loro creazione nel 2012.

 

 Alex Israel - Sky Backdrop Work

 

 

Ovviamente, questi casi appartengono all'alto profilo del mercato, ma ci sono innumerevoli altri esempi di rivendita a rimbalzo di opere d'arte su scala più piccola dove il "flipper" compra un pezzo per, diciamo, 30 dollari e poi lo vende per oltre $ 100, in termini di margine percentuale, l'affare è uguale.


 

 


Anche se il recente aumento di queste operazioni potrebbe far pensare di essere in presenza di uno stravolgimento del mercato, la verità è che questa pratica non è affatto una novità, anzi. Ciò che è nuovo, è l'aumento di interesse focalizzato verso il rimbalzo che riguarda opere di artisti viventi. La notevole ascesa del flipping di opere di giovani artisti può essere sicuramente attribuita ad alcune correnti e tendenze che sono diventate parti vitali del mercato dell'arte negli ultimi tempi. Il principale  fattore di impulso è certamente l'ascesa del mercato dell'arte online, poiché i siti di aste, i social media e altri operatori e strumenti online di Internet hanno creato accessi diretti che una volta erano difficilmente praticabili in tempi brevi come richiede questa pratica.

 

 

Inoltre, al giorno d'oggi è possibile trovare facilmente interi siti dedicati al flipping dell'arte o blog dedicati esclusivamente a tali argomenti. Si possono trovare anche libri di Amazon ed anche un'assistenza professionale, quindi l'ammodernamento tecnologico del mercato ha sicuramente ampliato le regole della pratica del trovare opere d'arte; una volta si doveva sfogliare l'arte oggi la si visualizza.

 


 

Chi e che influenza ha?


L'elenco dei soggetti coinvolti dalla pratica del flipping, sia in positivo che in negativo, è molto lungo. Commercianti, collezionisti e artisti sono tutti fortemente coinvolti dalla strategia di rivendita che alcuni acquirenti impiegano.

Alcuni di questi, lamentano di essere "vittime" di questa pratica perchè sostengono che la diffusione di questa pratica ha reso instabile il mercato dell'arte, influenzando seriamente la struttura dei prezzi del mondo dell'arte.

 

 

Presumibilmente, l'aumentato valore delle opere soggette ad operazioni di flipping introduce elementi di variabilità molto rapide e che gli operatori tradizionali considerano innaturale e privo di stabilità a lungo termine, una considerazione interessante e forse credibile se non venisse da operatori professionali di un mercato come quello dell'arte che manca di trasparenza e sulla quale fiorisce ed ha prosperato. Premesso questo, è pur sempre vero, mutuando anche questo criterio dagli altri mercati piu consueti alla negoziazione e rinegoziazione rapida dei beni, che il rischio di una bolla dei prezzi sia possibile e che il flipping la stimoli.

 

 

Va anche detto che proprio verso i giovani artisti il flipping può avere le maggiori conseguenze, perchè non avendo uno storico di prezzi di riferimento, le loro opere possono, se inserite in questa pratica, schizzare in pochissimo tempo a picchi di prezzo e con altrettanta rapidità crollare, distruggendo definitivamente la carriera dell'artista a prescindere dalla qualità del loro lavoro.

 

 

Comunque molti artisti giovani che sono stati oggetti di flipping d'arte (come Eddie Peake, Jacob Kassay, Oscar Murillo e Lucien Smith ), non hanno mai risentito degli effetti negativi di questa strategia di acquisto in qualsiasi momento delle loro carriere di grande successo. La questione che fa la differenza in questi casi e negli altri sta in quale posizione gli artisti si pongono rispetto ad una pratica che è una opportunità del mercato, ma che può anche schiacciarli; il mamaging degli artisti in questo ed altri casi è fondamentale.

 

 

 

Il problema principale con l'arte di rimbalzo


Tutti i critici di questa tecnica sembrano essere d'accordo su quale sia il problema principale di questa pratica; Temono che il cambiamento dei prezzi "innaturale" sia impossibile da sostenere a lungo termine, e che scateni la confusione del mercato che potrebbe costringere alcune gallerie a subire queste oscillazioni repentine.

Ovviamente nel flipping, le operazioni sono puramente finanziarie, non di rado l'opera in oggetto passa di mano in mano senza mai spostarsi fisicamente da dove sta, cosa che per i puristi del mercato è un orrore, anche perchè si scopre che alle volte chi opera il flipping non ha mai visto fisicamente cio che ha comprato e rivenduto se non attraverso il suo conto corrente.

 

Oscar Murillo

 

L'altra conseguenza della potenziale instabilità è che le opere degli "artisti rimbalzati" possono essere svalutate dopo che i compratori iniziano seguire un nuovo artista "bruciando" il precedente. Questa argomentazione è la ragione principale per cui la parte superiore della scena artistica richiede che l'arte della rivendita sia considerata non etica, anche se questo potrebbe non essere vero come ritengono che sia. 

 

 

Non ultima caratteristica di questa pratica, è che per sua natura abbisogna di liquidità e se le operazioni sono troppo rapide, c'è il rischio di creare meccanismi di derivati ed operazioni allo scoperto.

Poi resta il tema delicato che comunque riguarda l'insieme del mercato dell'arte ed è il possibile accesso di capitali e proventi illeciti, che la pratica del flipping oggettivamente può favorire: la rapidità di transazioni complica la tracciabilità delle operazioni e le due diligence approfondite diventano una buona pratica difficilmente praticabile.


Una strategia praticabile o una manipolazione poco etica?

 

Ci sono casi in cui questa pratica sembra davvero avere un problema di legittimità e di sotenibilità, ma alla fine della giornata, indipendentemente da come la giri, l'arte della rivendita non infrange nessuna delle regole stabilite dal mercato dell'arte.

In realtà, è un modus operandi presa direttamente dai playbook dei migliori e piu agguerriti mastini del mercato dell'arte in quanto questo è il modo in cui molte importanti gallerie e rivenditori traggono il massimo dai loro investimenti, e le loro critiche appaiono come un dolersi del fatto che con i nuovi strumenti non siano piu gli esclusivisti dello strumento.

 

 

Molti mega-collezionisti, come lo stesso Charles Saatchi, sono stati spesso associati a operazioni di flipping, quindi se la crème de la crème del mondo può farlo, perché l'uomo comune non dovrebbe? Se un collezionista medio o un gallerista investono abbastanza il loro tempo e i loro sforzi nello sviluppare l'abilità di identificare le opportunità del mercato prima che altri giocatori ci arrivino, perché questi ultimi dovrebbero essere fermati dal giocare la stessa partita e sfruttare le loro scoperte?

 

Ugo Rondinone

L'elemento di fondo è, proprio come con qualsiasi altra cosa nella vita, la moderazione è la chiave; se la persona che rivende le opere non entra nel campo della manipolazione eccessiva, il mercato dell'arte nel suo insieme non cambierà in peggio o almeno non come conseguenza della sua pratica di flipping, e lo fanno con i loro soldi. E poi di cosa ci si lamenta? Non è forse vero, da sempre, che i molto spesso i collezionisti vendono le loro opere d'arte nel corso degli anni aumentando artificialmente il prezzo con vari metodi, compreso questo, per realizzare il massimo profitto.

 

 

Marco O. Avvisati

 

 

 

 

Il consiglio per la lettura:

 

 

The Art of Flipping Art: acquistare e vendere arte per profitti enormi

 

Questo libro vi permetterà di scoprire come trarre profitto acquistando e vendendo arte part-time, senza formazione e senza background di acquisto artistico. In questo libro, l'autore condivide la sua esperienza di venditore e rivenditore di arte, racconta delle esperienze di cui è venuto a conoscenza concentrandosi su buone e cattive pratiche: questo significa che sarete in grado di imparare sia cosa fare e, forse ancora più importante, cosa non fare.

 

 

 

Riferimenti:

 

Manly, L., Pogrebin, R., 17 agosto 2014, Barbari alle porte delle aste d'arte? Non preoccuparsi , NY Times [10 gennaio 2018]
Kazakina, K., 14 febbraio 2014, gli speculatori Art-Flip promuovono il mercato dei giovani artisti , Bloomberg [10 gennaio 2018]
Winkleman, E., 2013, Applicazione delle regole di tutti i mercati all'arte , Edward Winkleman [10 gennaio 2018]
Anonimo, 2 dicembre 2011, Charles Saatchi: l'orrore del mondo dell'arte , The Guardian [10 gennaio 2018]

 

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts