MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

A 1/2 DEL 2018 COME VA IL MERCATO DELL'ARTE? Dal primo rapporto ArtPrice. tutti gli indicatori economici sono positivi

August 14, 2018

 

 

Mentre il mondo dell'arte come ogni mercato si prepara lentamente per la stagione autunnale dopo la pausa estiva,  Artprice  pubblica il suo H1 2018 - Global Art Market Report 2018, atteso report sulla prima metà dell'anno del mercato dell'arte. Nel complesso, la relazione mostra che il mercato gode di una nuova stabilità e indipendenza a livello mondiale. Un volume ampio di transazioni ha creato una solida base per il mercato internazionale dell'arte.

 

 

 

Il mercato di fascia alta sarà quello che beneficerà piu di altri di questo nuovo livello di fiducia. Dato che sono state ben di 229 le opere vendute al di sopra della soglia dei $ 5 milioni nella prima metà del 2018, mentre erano 163 nel 2017, l'attuale situazione economica può certamente essere descritta come favorevole.

 

 

Nel mercato ultra-high-end, la vendita del  capolavoro di Salvator Mundi di Leonardo da Vinci lo  scorso novembre che ha fatto ovviamente notizia, ha però rappresentato solo il 3% del fatturato totale delle aste totali del 2017 da Fine Art.

 

Molto interessante, a nostro avviso, anche come indicatore economico generale è il dato che nel complesso, ora sono i musei che acquistano la maggior parte delle opere d'arte messe all'asta piuttosto che i miliardari. Secondo il rapporto, circa tre quarti degli acquisti superiori a un milione di dollari sono stati effettuati dai musei e questa tendenza è sostenuta dalla continua apertura di nuovi musei; basti dire che dal 2000 sono stati inaugurati più nuovi musei di tutti i secoli XIX e XX.

 

 

I "leader del mercato delle aste nel primo semestre 2018

 

 

Prima di entrare piu al dentro del rapporto Arprice H1 2018 - Global Art Market Report 2018, ricordiamo sempre ai nostri lettori che quest'analisi osserva solo una parte del settore, cioè quello delle aste (pubbliche) che potrebbe aggirarsi intorno o poco sotto la metà degli scambi complessivi che, invece, si concludono nelle gallerie e nelle private sale delle case d'asta e dei dealer. E naturalmente Artprice, che è provider dei dati del sistema ma anche intermediario, non è un commentatore del tutto disinteressato. Ma ora diamo un'occhiata più da vicino al rapporto.

 

Evoluzione semestrale delle aste di belle arti

 

 


 

Stati Uniti, Europa e Cina - i Leader del mercato dell'arte

 


Ancora una volta, gli Stati Uniti sono un leader grazie alla Modern Art. Oltre alla vendita storica di Salvador Mundi, la maggiore spinta è stata data dalla vendita e scorporo della collezione Rockefeller da Christie's. La collezione privata più preziosa mai venduta, comprendeva opere di Pablo Picasso, Henri Matisse e Claude Monet, tra altri capolavori del XX secolo. Tra i punti salienti c'è un dipinto di Picasso " Blue Period ",  Fillette a la corbeille fleurie, che ha raccolto solo 115 milioni di dollari.

 

Leonadro da Vinci "Salvator Mundi"

 

 

Con 47.000 lotti venduti durante i primi sei mesi dell'anno, quasi un quinto delle opere messe all'asta in tutto il mondo, gli Stati Uniti rimangono il mercato dell'arte leader a livello mondiale. Con il suo mercato estremamente dinamico e l'offerta high-end senza eguali, New York è stata di gran lunga il mercato leader nel mercato dell'arte globale nel primo semestre del 2018.

 

Pablo Picasso "Fillette a la corbeille fleurie" 

 

 

Dopo il 2016, che ha portato molta incertezza, il mercato dell'arte inglese non sembra più indebolito dal processo Brexit , dimostrando un'ottima salute. Il totale di aste di belle arti nel Regno Unito ammonta già a $ 1,9 miliardi per il primo semestre, rispetto ai $ 2,5 miliardi per l'intero 2017. Si prevede che la settimana di Frieze a ottobre porterà anche una raffica di vendite importanti.

 

Andamenti deii singoli mercati nel primo semestre 2018

 

 

In competizione con New York nel mercato di fascia alta, Londra rimane il principale mercato al mondo per le opere di Gerhard Richter, che si conferma l'artista vivente di maggior successo nel mercato dell'arte globale, ma anche per le opere di Pablo Picasso, che rappresentano il 17% del totale fatturato d'asta d'arte nel paese. Queste due città da sole rappresentavano l'80% del mercato di fascia alta nel primo semestre dell'anno. L'Europa continentale ($ 920 milioni) è ancora lontana dal competere con il triumvirato consolidato degli Stati Uniti, della Cina e del Regno Unito.

 

 

 

Con un fatturato totale di $ 2 miliardi, la Cina (inclusa Hong Kong e Taiwan) rimane nella seconda posizione nella classifica globale dei principali mercati mondiali. Tra i momenti salienti c'è Et la terre était sans forme di Zao Wou-Ki   (1956-1957), che ha incassato 23,3 milioni di dollari. Sebbene il fatturato delle aste cinesi H1 2018 Fine Art sia sceso del -7% rispetto al primo semestre 2017, la ristrutturazione del mercato dell'arte cinese ha comportato una serie di vantaggi, tra cui l'obbligo legale di pagamento immediato per acquisti di opere d'arte nelle aste.

 

 

 

Sebbene il numero di opere messe in vendita sia diminuito del -35% nel primo semestre 2018, la contrazione è stata compensata da un tasso invenduto inferiore, che è sceso dal 68% dello scorso anno al 57%. Con le aste più prestigiose di Pechino organizzate a dicembre, la rivalità tra Cina e Stati Uniti per il dominio del mercato dell'arte dipenderà dai risultati della seconda metà dell'anno.

 

Zao Wou-Ki "Et la terre était sans forme"

 

 

Tra le tre piazze principali del mercato; Inghilterra ed USA hanno dinamiche comprensibilmente simili mentre il mercato cinese segue linee diverse; vedendo un numero molto elevato di lotti offerti in vendita (280.800), di cui però solo il 32% ha trovato acquirenti. Il mercato statunitense, invece, ha registrato uno dei più alti tassi di venduto sul mercato (75%), anche al di sopra della media occidentale (66%).

 

 

 

Alla fine, i risultati dei due paesi leader sono molto simili: 89.400 lotti venduti in Cina contro 82.000 negli Stati Uniti, generando un totale di fatturato più vicino che mai. In termini comparativi, la ripresa del mercato cinese appare particolarmente impressionante se si tiene presente che il totale degli Stati Uniti è stato sostanzialmente incrementato (+9%) dalla vendita del Salvator Mundi di Leonardo da Vinci a Christie's a New York​.

 

 

La forte crescita del mercato francese non è stata generata da volumi più elevati (le operazioni sono rimaste approssimativamente stabili a 69.300), ma da una maggiore qualità. Infatti, le principali case d'asta parigine sono riuscite a vendere più lotti di qualità museale: la soglia del milione di dollari è stata superata 79 volte, con tre risultati superiori a 10 milioni di dollari e un picco di $ 29,5 milioni, il miglior risultato di un'asta d'arte in Francia dal 2010.

 

Pierre Bergé & Associes dicembre 2016 un sigillo cinese del periodo Qianlong (1736-1795) in steatite beige e rossa con i quattro lati scolpiti con dragoni in rilievo, venduto da Drouot per 21milioni di euro 

 

Dopo la Francia seguono la Germania con 255,9 milioni di euro e l'Italia al sesto posto con 172,6 milioni di dollari per 24.614 lotti venduti e un prezzo record di 1,7 milioni di dollari.


 

Il dominio dell'arte del XX secolo

 

 


Nella prima metà del 2018, l' arte del 20° secolo ha rappresentato l'80% del fatturato totale globale delle aste di Fine Art. Sebbene i lavori realizzati nel periodo post World War II abbia attratto la più forte copertura mediatica, i collezionisti mostrano un crescente interesse per i lavori realizzati tra il 1900 e il 1940. Questo periodo da solo rappresenta quasi la metà del fatturato globale delle aste e il 40% dei lotti venduti .

 

Primi 10 risultati in asta del primo semestre 2018

 

 

L'arte astratta russa sta tornando sotto i riflettori, con la composizione suprematista di Kazimir Malevich (1916) che ha ottenuto 85,8 milioni di dollari a Christie's New York a maggio. Grazie a questa incredibile vendita, l'artista ha raggiunto il 9 ° posto nell'ultima classifica di artisti di Artprice con il fatturato dell'asta H1 2018.

 

composizione suprematista di Kasimir Malevich (1916)

 

 

Nel frattempo, i risultati per Vincent Van Gogh ‘s  Vue de l'asile et de la Chapelle St-Paul de Mausole  (1889) e Paul Gauguin 's  The Wave  (1888) prelevati  milioni di $ il 39,6 e $ il 35,2 milioni rispettivamente. Sembra che i capolavori del XIX secolo stiano diventando così rari che i prezzi aumentano rapidamente per lavori di buona qualità.

 

 

Mentre i lavori creati durante la seconda metà del 20 ° secolo e il 21 ° secolo esistono in numero molto maggiore, la domanda per loro rimane forte. Jean-Michel Basquiat ‘s  flessibile  (1984) andò a prendere $ 45 milioni su alla Phillips New York a maggio, mentre una versione di Jeff Koons 'scultura monumentale  Play-Doh  (1994-2014) venduto per $ 22,8 milioni dello stesso giorno da Christie. Nel frattempo, il miglior risultato per un'artista femminile è stato il Blueberry  (1969) di Joan Mitchell ,  venduto per $ 16,6 milioni.


 

 

Investire nell'arte

 

 


Quando si tratta di investire nell'arte, l'arte post-bellica e l'arte contemporanea mostrano i maggiori aumenti dei prezzi a breve, medio e lungo termine. D'altra parte, altri periodi hanno subito una graduale diluizione dei prezzi, in quanto le opere di alta qualità diventano sempre più rare.

 

 

Un certo numero di artisti contemporaniei si sono goduti le rapidissime evoluzioni dei prezzi, tra cui Kerry James Marshall, Mark Bradford e George Condo, determinando un notevole progresso nell'indice generale per l'arte contemporanea del + 27% per la prima metà del 2018. Dopo la sua La prima apparizione da Christie's New York di maggio, l'opera di Condo  Nude and Forms (2014) ha incassato oltre $ 6 milioni.

 

 

 

In linea generale, a prescindere dal periodo di creazione delle opere, il mercato dell'arte nel suo complesso si conferma altamente competitivo anche in relazione all'indice S&P 500, uno dei piu affidabili del mercato finanziario, sopratutto, nel confronto, il mercato dell'arte ha dato segni di solidità nel medio lungo periodo. Questo elemento è tanto piu interessante se si ci ricordiamo quanto anticipato all'inizio di questo articolo e cioè che per quanto autorevoli i report su questo mercato, compreso questo di Artprice, non considerano piu del 50% del mercato reale; quello che non passa per le aste ma si affida alle trattative privati di gallerie e dealers.

 

 

 

Interessante sarà anche analizzare i due report che le due case d'asta piu importanti: Christie's e Shoteby's che pubblicano per il semestre il cui confronto sarà oggetto del prossimo articolo di MADE, ma di cui possiamo anticiparvi che pur nel complessivo quadro positivo, entrambe segnino indubbiamente grandi cifre, che non hanno pari riflesso sui profitti.

 

 

 

L'Artprice H1 2018 - Global Art Market Report 2018

in sintesi

 

  1. Il fatturato globale delle aste su Fine Art * è aumentato del 18%, per un totale di 8,45 miliardi di dollari

  2. Le transazioni sono rimaste stabili con 262.000 lotti venduti, in crescita del 2,5% rispetto al primo semestre 2017

  3. Gli Stati Uniti hanno registrato un aumento del 48%, con un fatturato totale di $ 3,3 miliardi

  4. La Cina **, con un fatturato di $ 2 miliardi, ha ridotto il tasso invenduto prima di un H2 decisivo

  5. Il Regno Unito è appena dietro la Cina con un fatturato d'asta del 18% a $ 1,9 miliardi,

  6. L'UE sta contribuendo alla crescita: Francia + 8%, Germania + 17%, Italia + 22%

  7. L'arte moderna, il pilastro del mercato di fascia alta, rappresentava il 46% del fatturato totale

  8. Modigliani e Picasso hanno entrambi generato risultati sopra la soglia dei $ 100 milioni

  9. Zao Wou-Ki è stato il migliore interprete della Cina nel primo semestre 2018 con un fatturato di $ 155 milioni

  10. L'indice dei prezzi globali dell'arte contemporanea è aumentato del 27%, rivaleggiando con l'indice S & P 500

 

Marco O. Avvisati

 

 

 

Se vuoi leggere il Global Art Market Report 2018 integrale:

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: