MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

RAPPORTO UBS - ART BASEL: IL QUADRO DEL MERCATO DELL'ARTE MONDIALE

April 19, 2019

 

Come ormai è diventata tradizione, in questo periodo ogni anno diamo uno sguardo al mercato dell'arte globale , per decifrarlo e dare un po 'più senso. Tra i report più rilevanti, come sapete, è quello pubblicato da UBS e Art Basel , che raccoglie e analizza i dati di rivenditori, case d'asta, collezionisti, fiere d'arte, banche dati artistiche e finanziarie, esperti del settore e altri soggetti coinvolti nel commercio. La terza edizione del rapporto annuale rivela un aumento del 6% delle vendite globali di arte in tutto il mondo, con acquisti attivi da parte dei millennial e crescente appetito per le vendite online

Nel Rapporto mercato dell'arte 2019 pubblicato questo mese, scopriamo che il mercato è “robusto e in crescita” , secondo di Art Basel global coordinato da Marc Spiegler.

 

 

 

IL MERCATO DELL'ARTE NEL 2018


Iniziamo forse con il numero più importante del rapporto - le vendite nel mercato dell'arte globale, che nel 2018 hanno raggiunto $ 67,4 miliardi , in crescita del 6% su base annua. Rappresenta il secondo più alto livello di crescita positiva negli ultimi dieci anni, grazie ai tre mercati più importanti - Stati Uniti, Regno Unito e Cina , che rappresentano l'84% dell'intero valore totale del mercato - nessuna sorpresa.

Il Regno Unito ha infatti recuperato la sua seconda posizione nonostante le preoccupazioni della Brexit, raggiungendo poco meno di $ 14 miliardi, ancora piuttosto indietro rispetto agli Stati Uniti con $ 29,9 miliardi. Le vendite in Cina, tuttavia, hanno visto un leggero calo del 3%, stabilizzandosi a $ 12,9 miliardi.

Anche il numero di transazioni ha raggiunto il livello più alto dal 2008, con un aumento del 2% a circa $ 39,8 milioni .


 

 Vendite medie per settore 2017 e 2018 - UBS e Art Basel Art Market Report 2019

 


I NUMERI PER SETTORI


Per quanto riguarda le vendite dei rivenditori nel 2018, hanno raggiunto un valore stimato di $ 35,9 miliardi, in aumento del 7% rispetto all'anno precedente. Il segmento con le migliori prestazioni per vendite anno dopo anno è stato quello dei mediatori con un fatturato compreso tra $ 10 milioni e $ 50 milioni, con un aumento del 17%, mentre la peggiore performance è stata inferiore del 18%, solo nel segmento per opere inferiori a $ 250.000. Per il 2019, il 29% dei concessionari prevede che le vendite saranno inferiori rispetto al 2018, anche se il 30% è piuttosto ottimista. La più grande sfida rimane trovare nuovi acquirenti.

 

 

Un totale di $ 29,1 miliardi nel 2018 è quanto hanno raggiunto le vendite nelle aste pubbliche di arte e antiquariato, il 3% in più rispetto all'anno precedente. Le opere vendute per oltre $ 1 milione hanno rappresentato il 61% delle vendite totali, ma rappresentano solo l'1% dei lotti venduti. La metà del valore del mercato delle aste d'arte è andata alle vendite del dopoguerra e del contemporaneo: $ 7,2 miliardi, con un aumento del 16%, mentre il numero di lotti venduti è diminuito del 5%.

 

 

Un aumento del 6% delle vendite è stato registrato nelle fiere d'arte, che hanno raggiunto i $ 16,5 miliardi nel 2018. In media, i rivenditori hanno partecipato a quattro fiere lo scorso anno, in calo rispetto alle cinque fiere segnalate nei sondaggi del 2016 e 2017. Tuttavia, la frequenza variava tra settori e segmenti, con oltre il 25% del campione che ha esposto in 10 o più fiere.

 

 

Buone notizie per coloro che acquistano la loro arte online - le vendite globali hanno raggiunto un valore stimato di $ 6 miliardi, in aumento dell'11% rispetto al 2017. Costituiscono ancora meno del 10% del valore totale del mercato, eppure l'e-commerce detiene il 12% del totale delle vendite al dettaglio nel 2018. La maggior parte delle società che operano solo online vendono ancora la maggior parte delle loro opere nel segmento dei $ 5.000 e inferiori, con meno del 10% delle transazioni riportate a un prezzo superiore a $ 250.000.

 

 

Parlando di rappresentazione e genere di artisti, le gallerie più grandi del mercato primario tendono a presentare meno artisti femminili con un - il 38% tra quelli con un fatturato fino a $ 1 milione sono donne, contro il 35% per quelli oltre $ 1 milione e il 28% per quelli oltre $ 10 milioni. Il 36% degli artisti rappresentati da queste gallerie nel 2018 erano donne e le vendite delle loro opere rappresentavano il 32% del fatturato annuale. Inoltre, solo il 24% degli artisti esposti alle fiere d'arte sono donne.

 

 

 

Quota di donne e artisti maschili rappresentata dalle gallerie nel 2018 - UBS e Art Basel Art Market Report 2019

 


 

IL REPORT IN SINTESI

 

1. Gli Stati Uniti hanno mantenuto la loro posizione di leader del mercato. Nel 2018, gli Stati Uniti hanno sostenuto la propria posizione come il più grande mercato dell'arte al mondo, rappresentando il 44% delle vendite in base al valore - o un totale di $ 29,9 miliardi, il più alto livello registrato fino ad oggi. Nonostante l'incertezza politica che circonda la Brexit, il Regno Unito ha riacquistato la sua posizione di secondo mercato al 21%, con vendite sostenute da scambi non UE: nel 2018, le vendite sono aumentate dell'8% a poco meno di $ 14 miliardi. La Cina è stata il terzo mercato al 19%, con vendite che hanno raggiunto $ 12,9 miliardi, con un calo del 3% su base annua.

 

2. I Millennials sono emersi come attori attivi al mercato. Questa tendenza è stata particolarmente evidente nei mercati asiatici. Mentre gli intervistati negli Stati Uniti erano prevalentemente di età pari o superiore a 50 anni, a Singapore il 46% dei collezionisti intervistati erano millennial, mentre a Hong Kong la percentuale era del 39%. Collettivamente, i millennial hanno rappresentato poco meno della metà (45%) delle transazioni di fascia alta, sottolineando l'importanza di questo dato demografico.

 

3. Il mercato online ha visto una crescita costante e continua. Il mercato online ha raggiunto un nuovo massimo stimato di $ 6 miliardi nel 2018, pari al 9% delle vendite globali, con un incremento dell'11% su base annua. Nonostante ciò, rimangono alcune cautele da parte degli acquirenti: dall'indagine condotta da UBS e Art Economics e pubblicata sul Report, su collezionisti di alto livello e su cinque mercati, ha rivelato che solo il 4% ha speso $ 1 milione o più su un'opera d'arte acquistata online.

 

4. I dati delle aste sono aumentati del 3% anno su anno. Mentre le questioni economiche e politiche hanno spinto acquirenti e venditori verso vendite private nel mercato dei concessionari, le vendite di oggetti d'arte e antiquariato all'asta pubblica sono aumentate di valore, raggiungendo $ 29,1 miliardi, con un aumento del 3% su base annua e quasi il 30% sul 2016. Le opere ad alto valore hanno avuto il maggior parte nella realizzazione di questa cifra, rappresentando il 61% delle vendite totali per valore.

 

5. Le fiere d'arte hanno continuato a plasmare il mercato globale. Non sono state solo le case d'asta a testimoniare la crescita nel 2018: le fiere d'arte hanno continuato a giocare un ruolo centrale nel mercato dell'arte globale, con un fatturato aggregato che nel 2018 ha raggiunto i 16,5 miliardi di dollari, con un aumento del 6% su base annua. La quota del valore totale delle vendite globali dei concessionari realizzate nelle fiere d'arte è stata del 46%.​


Per ulteriori approfondimenti consultare il rapporto completo UBS e Art Basel Art Market 2019 cliccando di seguito.

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts

BIENNALE D'ARTE DI VENEZIA: ECCO TUTTI I 79 ARTISTI PRESENTI

April 22, 2019

1/9
Please reload

Recent Posts