MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

LEO CASTELLI E LA SUA GALLERIA INVENTORI DEL MERCATO DELL'ARTE E DELL'ARTE

May 2, 2019

 

 

Uno dei più noti mercanti d'arte e promotori del Surrealismo, dell'Espressionismo astratto, del Neo-Dada, del Pop, del minimal, dell'arte concettualistica e del neoespressionismo, Leo Castelli gestiva un eccitante spazio espositivo, il crogiolo di correnti artistiche progressiste soprattutto nel periodo che va dalla fine degli anni '50 fino alla metà degli anni '80. Nonostante il mutare delle circostanze, in un periodo così prolungato, la galleria Castelli è rimasta uno spazio influente per l'arte contemporanea a New York , dove tuttora opera.


 

 

L'AFFASCINANTE BIOGRAFIA DI LEO CASTELLI


Il mercante d'arte Leo Castelli (ma lui preferiva definirsi gallerista) è nato a Trieste nel 1907 con il nome di Leo Krausz ed è cresciuto in una ricca famiglia di ebrei italo-austro-ungarici. Dopo un breve soggiorno a Vienna durante la prima guerra mondiale, i Krausz tornarono a Trieste e durante l'Italizzazione dei nomi sotto il regime di Mussolini, cambiarono il loro nome in Krausz-Castelli, e infine in Castelli, cognome della madre.

 

Leo Castelli con Salvador D'Alì

 

Leo si laureò all'Università di Milano e nel 1932 si trasferì a Bucarest per un impiego in una compagnia di assicurazioni; lì incontra e poi ha sposa Ileana Schapira, e due anni dopo la coppia si trasferisce a Parigi, dove Leo lavora per la Banca d'Italia. Durante quel periodo, con l'aiuto di sua moglie, i giovani fondarono la loro prima galleria a Place Vendôme a Parigi nel 1939. Il successo della galleria Drouin (Il locale prende il nome dal suo socio, il decoratore René Drouin, fu alterno ed era incentrato sulla proposta dell'arte surrealista

 

Leo Castelli e Roy Lichtenstein

 

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Ileana e Leo riuscirono a fuggire in America, mentre i genitori di Castelli non sopravvissero a Budapest, in quanto furono arrestati e uccisi dai fascisti ungheresi. La coppia arrivò negli Stati Uniti nel 1941 e, poco dopo, Leo frequentò un corso di storia economica alla Columbia University. A un certo punto si è anche offerto volontario per l'esercito e prestato servizio per l'intelligence in Europa . Dopo la fine della guerra, fece da interprete per la commissione alleata che controllava la città a Bucarest, e per gli sforzi militari gli fu data la cittadinanza americana.

 

Leo Castelli con Andy Wharol

 

Tornato a New York, Castelli lavorò per un periodo come manager nella fabbrica di abbigliamento del suocero. Il suo primo affare nell'ambito artistico avvenne nel 1947, quando vendette un centinaio di tele di Kandinsky attraverso Drouin. Nel 1949 fu fondata l'influente consorteria del Club in cui il Castelli e l'uomo d'affari d'arte Charles Egan erano soliti frequentare artisti come Ad Reinhardt, Willem de Kooning , Robert Rauschenberg e Franz Kline. La prima mostra curatoriale americana di Leo Castelli è stata la Ninth Street Show del 1951, un evento che ha visto come protagonisti gli artisti dell'Espressionismo Astratto. Nonostante fossero sposati da venticinque anni, Leo e Ileana divorziarono nel 1957; tuttavia, sono rimasti amici e partner della vita.

 

 

LA GALLERIA LEO CASTELLI


Leo Castelli aprì la sua galleria nel 1957, che divenne in pochi anni la principale sede commerciale di New York per l'arte contemporanea, con i surrealisti e altri artisti europei, accanto agli espressionisti astratti americani come Cy Twombly, Jackson Pollock, Willem de Kooning e altri. Già un anno dopo l'apertura, Jasper Johns e Robert Rauschenberg si unirono alla galleria e aprirono la via alla diffusione della Pop Art, il Minimalismo e l'Arte concettuale, incluse le opere di artisti come Frank Stella, Roy Lichtenstein, Andy Warhol, Robert Morris, Donald Judd , Dan Flavin, ecc.

 

 

Alcuni artisti hanno avuto la loro prima mostra personale presso la galleria Leo Castelli, e l'attività è andata così bene che Castelli ha aperto una sede distaccata, il Castelli Warehouse, con una mostra organizzata da Robert Morris (con scultura ambientale di nove artisti). Nel 1971, Leo Castelli ha aperto un altro franchise in centro città della Galleria Leo Castelli. In quell'edificio prese il secondo piano, la Sonnabend Gallery della sua ex moglie con il suo nuovo marito, al terzo piano e André Emmerich all'ultimo piano. Durante gli anni '80, Castelli aprì una seconda grande galleria del centro di SoHo, dove si svolgevano spettacoli congiunti con altri mercanti d'arte come Mary Boone.

 

Leo Castelli e Jasper Johns

 

Dopo essere emigrato a New York nel 1941, Castelli non aprì una galleria per sedici anni, se non quando aveva raggiunto i cinquant'anni. Ma nonostante questo fu il primo ad esporre l'allora sconosciuto Jasper Johns, Castelli si è affermato immediatamente come un produttore di gusto e talento puntando ed alle volte scoprendo figure come: Rauschenberg, Lichtenstein, Warhol e , solo per citarne alcuni, come abbiamo detto. Il segreto del successo di Leo? La devozione personale verso gli artisti, i suoi "eroi": mettendo i giovani talenti a stipendio e cercando un collocamento nella collezione ideale piuttosto che con il miglior offerente, ha trasformato il modo di fare business, di trattare l'arte e gli artisti.

 

 

IL SIGNIFICATO DI LEO CASTELLI

 


Castelli era noto per aver allevato nuovi talenti artistici americani e di averli introdotti nel contesto europeo, ma anche per aver introdotto nel mercato americano i talenti europei. Fu Castelli ad avere il merito (secondo il punto di vista americano) e la colpa (secondo il punto di vista francese) per l'assegnazione del gran premio alla Biennale di Venezia del 1964 a Robert Rauschenberg. Contribuì a spostare il centro del mondo dell'arte dall'Europa (cioè Parigi) agli Stati Uniti (cioè New York).

 

Leo Castelli

 

 

É indiscutibile è che l'uomo che può essere accreditato (o incolpato) per aver creato, da solo, il fenomeno dell'arte come merce e che ha sostenuto le carriere di molti dei gli artisti  del 20 ° secolo sia Leo Castelli, o per i detrattori, colui che ha inventato il moderno mercato dell'arte

 

420 West Broadway la Galleria Leo Castelli

 

Uno delle principali intuizioni di Leo Castelli fu l'inaugurazione del primo sistema di stipendi, nel senso che gli artisti venivano pagati indipendentemente dal fatto che le loro opere fossero vendute o meno; con questo sistema, Castelli si garantiva l'esclusiva dei suoi artisti e questi, godevano della sufficiente serenità per creare. 

 

Leo Castelli con la prima moglie Ileana Sonnabend

 

Castelli creò una rete di rivenditori in tutto il mondo per costruire un mercato internazionale per i suoi artisti, che grazie a lui saranno alla ribalta a lungo sul palcoscenico dell'arte. Castelli ha inventato la sua professione, rimodellando il gallerista come impresario. Prima di Castelli, le gallerie d'arte erano negozi al dettaglio; dopo di lui, erano templi del dio dell'arte e del denaro contemporanei di Giano.​

Antoinette Fraissex du Bost, seconda moglie di Castelli, aprì una galleria d'arte chiamata Castelli Graphics interamente dedicata alle fotografie e alle stampe della Galleria Castelli e di altri artisti. Purtroppo, è scomparsa nel 1987, e nel 1995 Leo Castelli ha sposato la storica dell'arte italiana Barbara Bertozzi Castelli.

 

Leo Castelli e James Rosenquist

 

Castelli usava Marcel Duchamp come unità di misura per gli artisti che intendeva rappresentare: “La figura chiave della mia galleria è un artista che non ha mai esposto con me, sarebbe a dire Marcel Duchamp. I pittori che non sono influenzati da Duchamp non mi interessano”. Robert Rauschenberg invitò il gallerista al suo studio verso la fine degli anni ’50 e gli offrì un drink. Castelli chiese del ghiaccio e l’artista lo accompagnò al piano di sotto poiché il frigorifero si trovava nello studio di Jasper Johns e i due lo usavano a turno. Castelli vide i bersagli e la bandiera di Johns e ne rimase folgorato offrendo una mostra personale al giovane artista.

 

New York, 1 febbraio 1982. 25 ° Anniversario della Castelli Gallery 
In piedi a sinistra - destra: Ellsworth Kelly, Dan Flavin, Joseph Kosuth, Richard Serra, Lawerence Weiner, Nassos Daphnis, Jasper Johns, Claes Oldenberg, Salvatore Scarpitta, Richard Artschwager , Mia Westerlund Roosen, Cletus Johnson, Keith Sonnier 
Seduti a sinistra - destra: Andy Warhol, Robert Rauschenberg, Leo Castelli, Ed Ruscha, James Rosenquist, Robert Barry 

 

Numerosi artisti hanno raffigurato Castelli nelle loro opere, da Elaine de Kooning e Andy Warhol, a Robert Morris e Frank Stella, che gli hanno intitolato un'opera. Già nel 1982 il 25 ° anniversario della Galleria Castelli fu celebrato con una mostra itinerante, mentre nel 1987 fu esposta al Museum of Art di Fort Lauderdale una grande mostra "Tre decadi di esplorazione: Omaggio a Leo Castelli" e nel 1996 la Galleria Gagosian ospitò lo spettacolo Leo Castelli: una mostra in onore della sua galleria e artisti a Los Angeles.

 

Leo Castelli con Cy Twombly

 

Durante la sua vita, Castelli ricevette la rosetta della Legione d'onore francese in cambio della donazione di opere di Jasper Johns al Centre Pompidou e la Medal of Honor centenario del National Arts Club.

Dopotutto, è evidente che questo mercante d'arte era molto più di questo; Castelli ha coltivato gli artisti ed è stato un appassionato d'arte un appassionato benefattore dello stile, quindi non è insolito che il suo contributo alla storia dell'arte vada ben oltre la ristretta definizione di gallerista o di mercante. Di certo sono meritate anche le critiche, quella di aver trasformato il mercato inserendo elementi di speculazione, ma non fu Castelli a perdere il controllo, piuttosto i suoi emuli e chi ne ha raccolto l'eredità. Leo Castelli è scomparso nel 1999, ma la sua eredità è mantenuta attraverso le funzioni della Galleria Leo Castelli a New York, gestita dalla moglie Barbara Bertozzi Castelli. Questo luogo d'arte rappresenta ancora numerosi artisti del passato della galleria.

 

Marco O. Avvisati

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

 

 

 

 

 

 

 

     

    Please reload

    Featured Posts

    BIENNALE D'ARTE DI VENEZIA: ECCO TUTTI I 79 ARTISTI PRESENTI

    April 22, 2019

    1/9
    Please reload

    Recent Posts