MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

COME GESTIRE L'EREDITÀ DELLA PROPRIA COLLEZIONE D'ARTE. Tema non piacevole, ma importante.

April 23, 2018

 

 

Se non vedete le opere d'arte come un qualunque altro investimento, è probabile che apparteniate almeno inizialmente a quella nobile categoria di collezionisti che raccoglie opere d'arte per vero amore e per la passione che prova per la cultura e la creatività. I collezionisti che raccolgono, custodiscono e valorizzano opere d'arte sono spesso accecati da questa passione, ed è bene che la coltivino ma quando negli anni, la collezione ed il collezionista "maturano" il prestare attenzione anche alla cura dei documenti e delle valutazioni che sono dietro le loro opere d'arte diventa essenziale. Suggerimento ben chiaro a tutti coloro che invece vedono le opere come uno strumento finanziario, ma dato che spesso si passa dalla prima visione alla seconda, al cura dei documenti è comunque importante per tutti.

 

 

Una delle ragioni per cui questi documenti sono importanti è che ne permettono la corretta cessione, sia per puro commercio, cosa che abbiamo trattato piu volte, ma anche per una ragione a cui nessuno piace pensare, e cioè che è probabile che la vostra collezione d'arte vi sopravviverà .

Quando accadrà, non sarete certo in grado di prendere decisioni su ciò che accadrà alla vostra arte, quindi prevedere e disporre con anticipo il suo destino potrebbe rivelarsi un momento cruciale per il futuro della collezione.

 

 

I primi passi per organizzare un piano di successione per la vostra collezione d'arte

 

Quando finalmente riuscirete a fare i conti con lo sgradevole fatto che probabilmente la vostra arte sarà qui dopo che ve ne sarete andati, il primo passo dovrebbe essere quello di raccogliere tutti i documenti di provenienza come le valutazioni e le distinte di vendita, le perizie, i documenti di eventuali restauri e tutto ciò che ha riguardato la "vita" di ciascuna delle vostre opere. Queste saranno prove fondamentali di autenticità e dovrete averle riordinate prima ancora di iniziare a considerare quello che sarà della vostra collezione per il futuro. Va anche curata la correttamente catalogazione, la fotografia e l'assicurazione della collezione dato che tutto ciò costituisce una parte importante dell'organizzazione di un piano di successione.

 

Gli eredi di Pablo Picasso: Maya, Jacqueline e sua figlia Catherine a Villa La Californie a Cannes nel  1955

 

Dopo essersi assicurati che tutto ciò di cui sopra è in ordine e sistemato, va preso in considerazione come i vostri eredi e familiari siano consapevoli dei vostri piani e che idea hanno sul vostro patrimonio artistico, se ne hanno dimostrato interesse e se questo è simile al vostro e se vi interessa la loro opinione ed il loro destino (sia delle opere che degli eredi): Valutato questo è bene informarli che vi state organizzando e potete iniziare a decidere cosa volete che il futuro riservi  alla vostra collezione d'arte. Ora arriva la parte difficile, perchè in fin dei conti ci sono solo tre opzioni reali per decidere il destino della vostra arte: vendere la collezione, lasciare le opere agli eredi di vostra scelta o donarla ad un'istituzione di qualche tipo .

 

Marina Picasso, ultima erede

 

Va tenuto presente che la miscelazione e l'abbinamento tra le opzioni è una strada praticabile, il che significa che alcune delle vostre opere potranno essere vendute e donate mentre alcune possono passare a uno o più eredi. Ma va fatta attenzione perchè l'arte è notoriamente capace di abbattere castelli finanziari con rapidità e relativa facilità.

 

 

Scegliere di vendere la collezione

 

Se si decide che vendere le opere d'arte è la strada da percorrere, va tenuto ben presente che collocare opere d'arte sul mercato è un'impresa più costosa di quanto non sia il caso in altre attività: la tassa sulle plusvalenze sull'arte e sugli oggetti da collezione nel mercato internazionale è del 28% contraria a il 20% di solito riservato per le vendite di altro tipo, ma qui entra in gioco la legislazione nazionale in materia.

 

 

Tolto questo aspetto, vendere una collezione lo si può fare sia in blocco sia pezzo per pezzo, la scelta non è facile perchè molto dipende dalla omogeneità della vostra collezione: se troppo diversificata sarà preferibile il pezzo per pezzo, mentre se molto coerente allora potete percorrere la strada del blocco intero. In linea di massima, la vendita a pezzi permette di realizzare prezzi migliori, con il rischio però di non vendere qualcosa, mentre la vendita in blocco generalmente spunta prezzi inferiori per pezzo, ottenendo una sorta di media di valore. Se scegliete l'una o l'altra strada, sappiate che il modo di approcciarsi al mercato sarà diverso. Nel caso di pezzo per pezzo operate di fatto come un seller occupandovi di collocare ciascuna opera ma sappiate che la vostra collezione sarà smembrata. Se invece puntate a fare la vendita in blocco, la vostra collezione resterà integra ma trovare acquirenti che condividano e valutino le vostre scelte d'arte come avete fatto voi non è facile.

 

David Teniers: le gouverneur Leopold Guillaume et sa collection de tableaux a Bruxelles

 

Anche voi (o quelli che si occuperanno del patrimonio che lascerete) sarete responsabili della liquidazione delle commissioni di vendita e le varie tasse, forse anche per il trasporto. Con tutte queste spese in agguato, dovrete  assicurarvi che sceglierete come vostri eredi siano a conoscenza del prezzo reale della collezione d'arte, solo perché le opere non vengano vendute a un tasso inferiore a quello che è il loro valore reale o svendute per far fronte alle spese accessorie. Ricordate che potete avere voce in capitolo sul prossimo soggetto o organizzazione che acquisterà la tua collezione, ponendo un vincolo anche sui costi, tasse e spese accessorie. Tienilo a mente.

 

 

Ironicamente, vendere l'intera collezione è probabilmente il processo più costoso delle tre opzioni di chi si appresta a pianificare la cessione. Per questo motivo avere un consulente esperto di pianificazioni patrimoniali specificatamente artistiche è una buona idea in quanto potrà aiutarvi a valutare la situazione e determinare la migliore linea d'azione.

La galleria d'arte nel museo di storia a Bratsigovo, Bulgaria

 

Lasciare opere d'arte agli eredi

 

Se lo si desidera, potete lasciare l'intera collezione o parti specifiche di essa a determinate persone. Questi eredi non hanno necessariamente bisogno di essere correlati a legami di sangue, quindi potete davvero scegliere qualcuno che vi piace. Indipendentemente dal fatto che gli eredi siano o meno dalla vostra famiglia, il termine tecnico per quello che eredita le opere d'arte è " beneficiario non benefico ".

 

 Renato Guttuso; la sua eredità fu contesa tra gli eredi

 

La cosa più importante del lasciare le opere a specifici eredi è assicurarsi che ricevano le risorse per mantenerle correttamente . Questo è il motivo principale per cui abbiamo sottolineato l'importanza di avere una documentazione di qualità che accompagna le tue opere che si rivelerà fondamentale in qualsiasi potenziale vendita, restauro o lavori di manutenzione.

 

 

Lasciare la vostra collezione o singola opera d'arte a una una società a responsabilità limitata è un'opzione possibile. Questo approccio alternativo metterà l'intera collezione nella società che può essere a sua volta intestata a più persone, familiari o non. È un modo per evitare di scegliere pezzi specifici per specifici membri della famiglia, tale opzione semplifica significativamente il processo di scomposizione delle opere d'arte a diversi eredi. In altre parole, se lasciate ai membri della vostra famiglia una società con opere d'arte come patrimonio,  vi assicurerete che saranno loro a possedere il patrimonio piuttosto che l'arte stessa.

 

Opere della Fondazione Prada esposte a Ca’ Corner della Regina - Venezia

 

Anche l'istituzione di una Fondazione, magari a tuo nome, è un percorso possibile che permette gli stessi vantaggi e la possibilità di instaurare preventivamente dei vincoli sulla gestione e destinazione del patrimonio ma ha dei costi di avvio piu alti, anche se potrà godere di agevolazioni fiscali successivamente.

Una delle sale per il Centro Tannenbaum per l'arte europea

 

Donare l'arte a un museo o un ente di beneficenza

 

Probabilmente avrete sentito di come il lasciare la vostra collezione d'arte o singola opera ad un museo o un'organizzazione caritatevole comporterà grandi detrazioni fiscali. Ciò che probabilmente non sapete è che se scegliete di donare la vostra arte prima di trapassare, avrete diritto a una detrazione dell'imposta sul reddito fino al 30% del reddito lordo.

 

 

Detto questo, donare la collezione ad un museo dopo la morte è probabilmente l' opzione più semplice (e anche la più sicura per la collezione nel suo insieme) che si ha quando mettete mano alla gestione della successione di un piano di proprietà artistica. La vostra collezione verrà consegnata nel luogo di vostra scelta e voi riceverete una detrazione fiscale basata sulla valutazione corrente di ciò che l'istituzione riceverà.

 

Germano Celant Patrizio Bertelli e Miuccia Prada

 

Sia che scegliate di donare la vostra arte prima o dopo la vostra morte, spetta sempre a voi specificare eventuali richieste che potreste chiedere a chi vi succederà. Alcuni collezionisti, ad esempio, chiedono che la loro collezione sia collocata in un'ala specifica di un museo o che il loro nome sia incluso accanto alla descrizione dell'opera esposta. Tutte le richieste che vorrete avanzare sono libere e legittime: sentitevi liberi di negoziare qualsiasi richiesta vi piaccia, e visto che in fin dei conti state donando il vostro lavoro ed il vostro patrimonio, è probabile che ci sia sempre un'istituzione disposta a soddisfare le vostre richieste.

 

Marco O. Avvisati

 

Riferimenti:

  1. Hube, K., 18 giugno 2016, Come Art Blow Apart Your Estate , Barron's [2 marzo 2018]

  2. De Aenlle, C., 1 ottobre 2015, la pianificazione immobiliare può essere ingannevole quando l'arte è interessata , The New York Times [Mar 2, 2018]

 POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

 

 

 

 

  1.  

     

     

     

     

     

     

     

Please reload

Featured Posts

BIENNALE D'ARTE DI VENEZIA: ECCO TUTTI I 79 ARTISTI PRESENTI

April 22, 2019