MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

GLI INDICI FINANZIARI D'ARTE COSA SONO E COME FUNZIONANO, MESSI CONFRONTO

August 17, 2017

 

 

Quando si pensa agli indici d'arte, è necessario considerare attentamente quello che hanno scelto di includere e quello che sono costretti a lasciare fuori dai loro parametri e di conseguenza considerare quale sia, dal vostro punto, di vista il piu adatto.

Gli indici fanno un valido tentativo di portare trasparenza al mercato dell'arte notoriamente privo di regole altrettanto ferree di altri mercati finanziari piu regolamentati, se questo può rappresentare in termini di libertà una opportunità per gli investitori, dall'altra parte gli indici d'arte (tutti) soffrono della mancanza di dati di vendita certificati. Tutti si affidano prevalentemente a dati di appena metà del mercato dell'arte (il mercato delle aste) quando invece il 53% del mercato dell'arte globale è in realtà costituito da vendite private di gallerie e venditori (secondo l'ultima relazione del TEFAF - leggi il rapporto completo qui -) questo non significa che ne infici i valori, ma che sono parametri che vanno considerati come tendenziali.

 

 

Tutti gli indici, in genere, tracciano sopratutto le vendite d'arte di maggior successo in asta, in alcuni casi, opere d'arte che sono passate in asta più di una volta, mentre omettono opere d'arte che rimangono invendute (circa un quarto di lotti). Come Georgina Adam fa notare nel suo nuovo libro 'Big Bucks: L'esplosione del mercato dell'arte nel 21 ° secolo ', “se 10 Warhol vengono offerti in vendita, nove vengono acquistati ed uno rimane invenduto (non trova un acquirente od a raggiungere la riserva di soglia di prezzo) nel risultato particolare l'autore triplica la sua stima, quindi gli indici di performance registrerebbero un ottimo risultato omettendo però di ponderare le flessioni dell'invenduto".

 

 
Il Black Fire I di Barnett Newman che ha venduto per $ 84,1 milioni all'ultimo novembre di Christie.  Gli indici d'arte si concentrano sulla parte migliore del mercato dell'asta
.  

 

Non tutti gli indici includono i risultati atipici; effettuare una ricerca sul mercato dell'arte, ad esempio, consente agli abbonati di creare i propri indici personali parametrandoli sulle loro caratteristiche personali come per esempio tagliando fuori i risultati superiori ed inferiori di un'asta, ma Mike Moses, co-fondatore dei Mei Moses Art Indices, è d'accordo sul fatto che i buy-in (la somma di denaro che l'investitore predetermina per prendere parte ad un'asta) sono una sfida per i gestori degli indici perchè sono dati riservati e quindi non è dato sapere quanti siano i reali partecipanti ad una data asta con una provvista adeguata. Aggiungiamo  l'ovvio fatto che nessun indice d'arte può prendere in considerazione tutta l'arte che non è ritenuta abbastanza preziosa da essere rivenduta ma che ha una forte rilevanza sul valore complessivo del mercato.

 

 

 

Va considerato anche il fatto che molti dei prezzi di vendita risultanti da aste online non siano pubblicati suggerisce che gli indici stiano diventando meno rappresentativi, anche se come abbiamo visto in un altro articolo (qui) l'arte online è un mercato di basso valore. La vendita dell'arte online porta meno e non più trasparenza nel mercato, in controtendenza con l'accesso più libero ai dati sui prezzi che l'internet dovrebbe far supporre.

Fatte tutte queste doverose premesse resta indubitabile che gli indici d'arte sono preziosi parametri di valutazione tenendo però conto appunto di queste premesse e sapendoli usare e leggere, ciò spiega la loro crescita esponenziale sul mercato degli abbonamenti, il loro moltiplicarsi e che importanti majors del mercato facciano a gara per acquisirli.

 

Iniziamo quindi ad analizzare uno per uno i piu importanti indici d'arte aggiungendo un'ultima ma importante premessa e cioè che un qualsiasi indice di mercato dell'arte, è importante considerare le metodologie molto diverse che utilizzano per affrontare un mercato in cui tutte le opere sono uniche, ma anche l'utilità dei loro dati fondamentali, quindi questo sembra un momento giusto per descrivere ciò che alcuni degli indici d'arte principali, ciò che fanno e non fanno, ricordando sempre che un indice è uno strumento e come tale è una risorsa formidabile ma che non si sostituisce ne mai potrebbe al talento, all'esperienza ed al fiuto dell'investitore e del professionista. al massimo un indice è una sorta di "suggeritore", ma la risposta è la vostra.

 

 

Comprendo anche i risultati più recenti dell'anno a partire dagli indici dell'arte del dopoguerra e dell'arte contemporanea di ciascun fornitore, ove è disponibile, come punto di confronto. Come potrete vedere, i risultati variano anche abbastanza sensibilmente.

 

 

 

1. Indici Mei Moses

Indici disponibili: Mei Moses, acquisito da Sotheby's, pubblica un World All Art Index e sette indici che rappresentano diverse categorie di raccolta. Tutti sono aggiornati ogni anno, anche se Mei Moses ben presto pubblicherà un aggiornamenti semestrali per il World All Art Index. Mei Moses emette anche stime trimestrali di monitoraggio per questi indici, basandosi su nuovi risultati ottenuti durante l'anno.

 

 

Fonte dei dati: Per cercare di fare confronti utili in un mercato in cui tutte le opere sono uniche, il database Mei Moses include solo opere d'arte che hanno venduto più di una volta ponendone i rendimenti a confronto nel tempo, utilizzando dati raccolti da due società, Sotheby's e Christie's. Il database Mei Moses comprende oltre 45.000 coppie (due passaggi in asta) per oltre 20.000 opere d'arte vendute in tutto il mondo. Ogni anno vengono aggiunti circa 3.000-4.000 nuove coppie di vendite ripetute.

Metodologia dell'indice: Usando questi dati di vendita ripetuti, gli indici Mei Moses seguono la differenza di prezzo tra ogni vendita successiva. Gli indici includono tutti i dati di vendita disponibili e non sono ponderati. I lotti non acquistati non sono inclusi.

 

Prestazioni dell'Indice mondiale post-guerra e contemporanea di Mei Moses: in calo dello 0,47% da gennaio a luglio 2014.

 

 

 

2. Indici Artnet

 

 

 

Indici disponibili: Indici che controllano le prestazioni di diverse categorie di mercato, come l'arte contemporanea, l'arte impressionista e l'arte moderna. Gli abbonati possono anche accedere a indici o indici specifici dell'artista dedicati a un sottoinsieme dei lavori dell'artista.

Fonte dei dati: il database di Artnet include vendite di 1.600 case d'asta in tutto il mondo, inclusi i risultati delle aste online delle aziende che rendono queste informazioni disponibili. Questi includono lotti venduti tramite il sito web di Artnet, ma anche attraverso siti esterni come Auctionata e Heritage Auctions .

Questi siti esterni non includono Sotheby's e Christie's, sebbene le aste online di Sotheby attraverso la nuova partnership con EBay devono ancora iniziare. Artnet sta trattando attivamente con Sotheby's e Christie per includere anche questi risultati.

 

 

Metodologia dell'indice: Artnet organizza le vendite di aste in gruppi comparabili, che comprendono le vendite ripetute, nonché opere d'arte che hanno venduto solo una volta, a condizione che siano abbastanza caratteristiche con le altre opere in quel gruppo (stesso autore, stessa serie. I valori dell'indice per singoli artisti all'interno degli indici del settore di mercato di Artnet sono calcolati sulla base del prezzo medio per lotto per ciascun artista all'interno di questi gruppi, escludendo le stampe, moltiplicate per i lotti totali venduti per quell'artista.

Ad esempio, l'indice Artnet Contemporary C50 classifica i 50 artisti contemporanei ad alte prestazioni basati sui loro valori di indice ogni anno, soggetti a una formula di decadimento che guarda indietro di cinque anni e dà ad ognuno di questi 50 artisti ponderandoli in rapporto all'indice generale. Si dice che questo metodo raccoglie il 75% di tutti i lotti venduti nel database Artnet.


Prestazioni della C40 Contemporary Artnet: fino 120% da gennaio a luglio 2014.

 

 

3. Indici Artprice

 

 

Indici disponibili: Artprice pubblica l'Artprice Global Index, da cui estrae anche i risultati per diversi i periodi dell'arte, come l'arte contemporanea e moderna. Gli abbonati al suo sito web possono anche generare indici specifici dell'artista.

Fonte dei dati: vendite da 4,500 case d'aste, ma generalmente non i risultati delle aste online, secondo Jean Minguet, direttore di econometria di Artprice, o perché questi risultati non sono pubblicati (come nel caso di Christie's) o perché Non vengono venduti attraverso un formato d'asta dal vivo, che include vendite su Artprice.com. Tuttavia, il suo database include i risultati di aziende come Heffel che dispongono di aste online in diretta e pubblicano i risultati.

 

 

 

Metodo di indice: L'Artprice Global Index utilizza anche la metodologia di vendita ripetuta per tenere traccia delle prestazioni di singole opere che sono state vendute più di una volta in asta e i lotti acquistati non sono inclusi.

Performance dell'Indice: Artprice non avrebbe rilasciato i risultati più recenti dell'anno per il suo indice, ma il suo indice di prezzo per l'arte contemporanea è aumentato del 102% nel 2013, mentre l'arte postbellica è aumentata del 76,7%.

 

 

 

4. Indici di Arthena

 

Indici disponibili: Indici che esaminano le tendenze di tre principali settori del mercato dell'arte; Emergenti, Moderni e Contemporanei. Arthena utilizza un segmento di cinque anni per i suoi fondi, che assicura liquidità agli investitori in un mercato tradizionalmente illiquido.  

Fonte: Arthena mantiene un database di 100.000 vendite per 150 artisti. Gli analisti identificano artisti il ​​cui lavoro ha potenziale come investimento, la loro storia di vendita completa viene aggiunta al database. Vengono calcola tutte le informazioni sulle vendite d'asta utilizzando il premio dell'acquirente (include la commissione ricevuta dalla casa d'aste che viene pagata dall'acquirente), il vero prezzo di vendita. Per i dati disponibili con il prezzo del martello (l'importo ricevuto dal venditore ma esclusa la commissione di vendita d'asta).

 

Metodologia: Arthena utilizza la regressione hedonica per stimare i prezzi delle opere in anni in cui non vendono. Ciò consente di utilizzare tutti i dati disponibili, invece di ripetere le vendite. Quando un artista ha vendite sufficienti, può essere calcolato un indice individuale. Per gli artisti con meno vendite, una regressione gerarchica consente una stima delle prestazioni dei suoi lavori. Utilizzando il modello di Price Asset Pricing, calcola un alfa e una beta per ogni artista contro l'intero mercato dell'arte e il S & P 500. Il coefficiente alfa controlla se i rendimenti del fondo sono adeguati al rischio del fondo. Il coefficiente beta controlla come cambia l'indice dell'artista rispetto al mercato. Formiamo un classificatore per scoprire come la performance storica predice l'alfa futuro e aggiunga artisti con prestazioni sufficienti all'indice Arthena.

 

 

 

Conclusioni

 

Tutti questi indici sono una risorsa utile per comprendere i diversi modi in cui fecondano e danneggiano il mercato: si potrebbero seguire i risultati di 25 o 50 o 1000 artisti. In definitiva, però, tutti si concentrano sulla fetta migliore del mercato delle aste. Se avessimo più dati disponibili dalle aste online, dalle vendite private alle case d'aste e da tutte le vendite tradizionali, degli intermediari e delle gallerie condotte in tutto il mondo, i rendimenti pubblicati dagli indici d'arte in realtà sarebbero migliori? Forse, anzi, probabilmente si ma dato che tutte queste informazioni sono mancanti, è impossibile dirlo.

Vale la pena finire dicendo che, sebbene gli indici d'arte abbiano una bias di selezione, non sono gli unici. Ad esempio, i titoli in esecuzione vengono periodicamente spostati a favore dei nomi migliori nel S & P500. Una differenza fondamentale questa, però, è che gli indici d'arte, che sono un amalgama di vendite, non sono indici investibili.

È possibile acquistare un fondo di un indice che replica le prestazioni di S & P500. Ma non è possibile acquistare un fondo che parametri i rendimenti per esempio al Artnet C50. Bisognerebbe avere miliardi di dollari e straordinari poteri di preveggenza per premiare tutte le opere d'arte incluse nell'indice dai loro attuali proprietari per raggiungerlo. E come abbiamo scritto prima, e come Adam suggerisce nell'esempio per Warhol sopra, anche se potessi acquistare opere d'arte diverse da tutti gli artisti inclusi nell'indice, non sarebbero comunque un proxy affidabile per la sua performance.

 

 

Marco O. Avvisati

Please reload

Featured Posts