MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

DAI GIOIELLI DEL QUATAR RUBATI A TRUMP ARTISTA FINO A HIRST DOCUMENTARISTA. QUESTE LE NEWS CURIOSE DAL MONDO DELL'ARTE DI QUESTA SETTIMANA

January 9, 2018

Iniziamo questa nuova rubrica di notizie dal mondo dell'arte riportandovi notizie, curiosità, informazioni su ciò che avviene in giro per il mondo; tra cose serie e qualcuna meno ecco cosa è successo nella settimana passata

 

 

I gioielli dei reali del Quatar rubati alla mostra di Venezia

 

 

 

Mercoledì mattina diversi gioielli sono stati rubati da un caso alla mostra al Palazzo Ducale,

Si ritiene che gli oggetti valgano diversi milioni di euro, ma potrebbero essere difficili da vendere sul mercato nero a causa della loro fama.

La mostra, intitolata Tesori dei Moghul e dei Maharaja, riunìva centinaia di gemme indiane dal XVI al XX secolo e doveva chiudere mercoledì sera.

I gioielli appartengono alla collezione Al Thani, di proprietà della famiglia reale del Qatar.

Purtroppo si ritene che le singole gemme nei gioielli potrebbero essere rimosse e vendute separatamente.

Il capo della polizia Vito Gagliardi ha detto che il sistema di sicurezza della fiera non ha funzionato correttamente.

"La teca di vetro è stata aperta come se fosse una lattina mentre l'allarme, si è attivato in ritardo", ha detto Gagliardi dall'agenzia di stampa Ansa.

La polizia italiana ha detto di aver inviato le foto degli oggetti rubati a Londra, dove sono i proprietari del Qatar, in modo che possano essere identificati e prezzati.

(fonte BBC)

 

Metropolitan Museum of Art farà pagare il biglietto d'ingresso ai non newyorkesi

 

 

I visitatori fuori dallo stato di New York dovranno presto preparare un po 'di soldi per vedere i suoi Michelangelo.

In un importante cambiamento di politica; il museo ha infatti annunciato giovedì che richiederà l'ammissione dai residenti dello stato non di New York.

Il museo finanziariamente in difficoltà ha da sempre seguito la politica detta del pay-what-you-wish dal 1970 che prevedeva la libera offerta.

Ma a partire dal 1 ° marzo, il Met chiederà $ 25 per gli adulti, $ 17 per gli anziani e $ 12 per gli studenti.

I biglietti asaranno validi per tre giorni, permettendo ai turisti di visitare il Met - così come Met Breuer e The Cloisters.

I residenti dello stato di New York saranno comunque pagheranno ciò che desiderano per godere delle oltre 2 milioni di opere d'arte del museo.

 

Damien Hirst raddoppia e della sua mostra ne fa un documentario per  Netflix

 

 

È confermato che nel 2008, Damien Hirst ha realizzato £ 111 milioni vendendo 223 delle sue opere a Sotheby's. Quello che è meno noto è che ha investito quel denaro per ripescare un relitto di un naufragio del secondo secolo nell'Oceano Indiano, almeno questo è quello che sostiene lui, e che è alla base della magnifica mostra di Venezia. Di questo presunto e comunque spettacolare recupero ne nasce un documentario di Hirst, pubblicato su Netflix.

Il documentario o meglio il quasi film, segue la squadra di archeologi marittimi e sommozzatori mentre apparentemente recuperino 189 pezzi in bronzo, marmo, malachite e oro dal fondo marino da qualche parte al largo della costa dell'Africa orientale. 

Il tesoro immaginario, che si dice sia appartenuto a uno schiavo liberato immaginario chiamato Cif Amotan II (un anagramma per I am fiction), ha costituito la mostra più ambiziosa di Hirst TREASURES FROM THE WRECK OF THE UNBELIEVABLE, chiusa a Venezia il mese scorso.

L'auto-parodia è al centro del lavoro di Hirst, qualcosa che il nuovo film mette in chiaro. "L'oro può far impazzire la gente. Sono un collezionista e sono un'artista, capisco tutte quelle cose sul denaro e sul collezionismo e sulla sua dipendenza. Guardando Amotan e la sua collezione di oggetti, era anche lui un collezionista come lo sono oggi i collezionisti. Ha implorato, preso in prestito, commissionato e rubato per accumulare questa collezione. "

In un colpo finale, Hirst sembra rivolgersi ai suoi critici. "Adoro il fatto che Amotan considerato pazzo per ciò che ha cercato di fare", dice. "Sembra arrogante in molti modi, e poi sembra sciocco in molti altri modi ma, soprattutto, sembra spinto unicamente dal desiderio irrefrenabile a raccogliere questa collezione. ed io ho voluto portare a termine questo suo desiderio"

 

C'è un Donald Trump nella tua collezione?

 

 

Hai mai visto qualcuno che assomiglia a Donald Trump in un'opera d'arte? Una nuova struttura di ricerca high-tech ha individuato i personaggi celebri delle immagini fotografiche tratte dalla collezione della Witt Library, parte del Courtauld Institute of Art di Londra. L'ingegnoso dispositivo è stato concepito da Pholio, una piattaforma di album di foto digitali che "utilizza l'intelligenza artificiale per cercare milioni di immagini e riconoscere immediatamente i modelli", si legge in una nota. Cher, Taylor Swift e l'attore Patrick Stewart compaiono tutti nelle foto, mentre il presidente Trump appare come uno scampo hogarthiano nel suo.

 

E se Donald Trump diventasse mecenate dell'arte concettuale ed il suo muro un'opera?

 

Questa è l'intrigante possibilità presentata martedì in una petizione online che cerca di far selezionare artisti per otto prototipi per il controverso muro di confine messicano di Trump designato monumento nazionale. I prototipi sono stati costruiti con un costo di $ 3,3 milioni in fondi federali e svelati lo scorso ottobre lungo il confine degli Stati Uniti vicino a San Diego. La petizione, sponsorizzata dalla puckishly una associazione senza scopo di lucro, MAGA (l'acronimo richiama lo slogan della campagna presidenziale, "Make America Great Again"), cerca di proteggere i prototipi dalla demolizione invocando l'Antiquities Act del 1906 e caratterizza le strutture come "un importante Mostra di Land Art "di" significativo valore culturale. "L'idea che i prototipi possano qualificarsi come arte concettuale potrebbe sembrare un po 'inverosimile. Sono stati progettati per le specifiche doganali e di protezione dei confini degli Stati Uniti, costruiti per resistere a un assalto di 30 minuti dalle mazze alle torce dell'acetilene e per essere difficili da scalare o scavare sotto il tunnel. Le considerazioni estetiche sono in gran parte secondarie alla forza bruta, ma, viste da vicino, i muri hanno collettivamente l'innegabile maestosità della scultura minimalista.

 

Please reload

Featured Posts

BIENNALE D'ARTE DI VENEZIA: ECCO TUTTI I 79 ARTISTI PRESENTI

April 22, 2019

1/9
Please reload

Recent Posts