L'IMPORTANZA DEL FIRMARE UN'OPERA

March 27, 2018

 


Sebbene la loro importanza sia spesso sottovalutata o data quasi per scontata perché quasi ogni pezzo d'arte la ha, la firma dell'artista è in realtà una parte importante del modo della storia dell'arte e il mercato. In termini di ricerca, una firma è sempre un pezzo in un puzzle più grande, ma un pezzo che può fare o infrangere la validità e il valore di un'opera d'arte.

 

 

A parte alcuni grandi artisti che, per varie ragioni, hanno deciso di non firmare il loro lavoro, quasi tutti quelli degni di nota nella storia hanno avuto l'abitudine di lasciare la loro firma sulle loro creazioni. In effetti, una regola d'oro nella ricerca e nell'investimento in arte è verificare se il lavoro è firmato o meno, la sua importanza non è legata solo ad una sorta di "auto autentica" dell'opera da parte dell'artista ma anche perchè la firma di un artista è in grado di dirvi molto più di quanto potreste pensare.

Premesso questo, vediamo il perché le firme degli artisti sono così importanti, del perchè attraverso di loro si costruisce la storia delle arti e come queste influenzino il mercato dell'arte, così come, se di tanto in tanto ti diletti a fare arte, perché firmare dovrebbe essere il la prima cosa che fai dopo aver completato un'opera d'arte.

 


Le ragioni per cui dovresti firmare la tua arte


Che tu sia un appassionato o un grande artista, ma anche un dilettante della domenica, cerca e firma sempre la tua opera. È vero che ultimamente una manciata di artisti contemporanei affermano che firmare un'opera  è sopravvalutato e superfluo, sostenendo che una firma può rovinare la composizione o che l'immagine è molto più importante della persona che l'ha creata, e questo è certamente vero, ma ci sono, al contrario, anche ottime ragioni per cui avere una firma dell'artista è assolutamente necessario .

 

Firme dell'artista Tetsuo Ochikubo

 

Prima di tutto, una firma rivendica la proprietà del lavoro e dimostra che tu sei stato colui che lo ha creato. Che ci crediate o no, una firma è spesso l'elemento più unico sulla tela e la storia ha dimostrato che i falsari, proprio sulla firma hanno molti problemi a replicarla.

L'altro motivo per cui dovresti sempre firmare ciò che produci è che una firma aumenterà quasi sempre il valore monetario di quel dipinto. Potrebbe passare un po di tempo o non arrivare mai il momento in cui la tua firma inizi a "pesare" sull'identità e sul valore del dipinto, ma, una volta fatto, sarai felice di aver firmato le tue opere precedenti.

 

 


Le radici storiche delle firme d'artista


Le firme degli artisti erano una pratica comune fin dai tempi antichi, ma il modo in cui le leggiamo oggi può essere ricondotto al tempo del primo Rinascimento; questo passaggio è avvenuto perche questo è il periodo in cui la produzione artistica è passata dal consolidato sistema cooperativo a una celebrazione della creatività individuale.

 

Firma dell'artista americano Ken Shutt del 1972

 

Albrecht Dürer, uno dei principali artisti e stampatori della storia dell'arte tedesca, rappresenta uno dei più antichi casi tutela della propria identità artistica attraverso appunto la sua firma. Conosciuto per il mettere il suo marchio AD su tutto, dai capolavori stampati agli schizzi frettolosi, Dürer ha dato battaglia in tribunale a Norimberga e a Venezia per proteggere legalmente la sua paternità. Entrambi i casi sono stati vinti grazie alla presenza della sua firma.


 

Le Firme d'artista come parte dell'opera d'arte


La ricerca di firme nascoste in un'opera è forse il più grande sogno professionale di uno storico dell'arte e, per validi motivi, scoprire elementi di un'opera d'arte può rivelare una grande quantità di informazioni che si sono perse nel corso del tempo. Dagli occhi di Monna Lisa di Leonardo da Vinci al recente caso di un'iscrizione nascosta dell'impressionista australiano Tom Roberts, tali firme possono rappresentare vere e proprie miniere d'oro.

 

Firma dell'artista John Young, 1980

 

Anche se mai una tale scoperta vi porterà lungo il percorso di uno scenario fantasioso simile al Codice Da Vinci, ma il recupero e la scoperta di una firma, un segno potrà portarvi in un percorso non meno affascinante come nei casi reali in cui l'artista ha lasciato una dedica di qualche tipo o ha con un segno, rivelato (o nascosto) l'identità del soggetto. Scoprire fatti del genere può essere molto affascinante ed importante e non solo per uno specialista delle arti.

Molti artisti non solo mettono al firma, ma la espandono con altre note di se stessi, quindi le iscrizioni vengono comunemente utilizzate per tenere traccia di tempo, luogo e mezzo. Ben Nicholson, ad esempio, usava segnare una grande quantità di informazioni sul retro delle sue tavole - non solo firmava, titolava e datava le sue opere, ma ha anche creato elenchi di colori usati e gli indirizzi di dove avrebbe inviato il lavoro.

Lucio Fontana nei suoi famosi "tagli" (Concetto spaziale), sul retro spesso segnava di pugno osservazioni frasi che avevano senso solo per lui.


 

L'importanza di una firma per gli specialisti che datano il lavoro


John Castagno, un artista e rispettato esperto, ha pubblicato oltre una dozzina di libri che catalogano le firme degli artisti nel corso della storia, ha osservato che non c'è fine alla varietà, tipo, codice, segno di firma che un individuo potrebbe utilizzare. Il primo volume conteneva più di 10.000 voci, con molti artisti che utilizzavano simboli e variazioni sul loro nome. James McNeill Whistler aveva molti stili diversi, n altri casi, i marchi sono quasi completamente illeggibili, come quelli di Jean-Michel Basquiat che aveva due firme che erano praticamente impossibili da leggere, che usava insieme alla sua versione stampata.

 

Firma di Thomas Moran

 

Sebbene queste variazioni possano sembrare un elemento di incertezza e creare confusione, in verità tale varietà può essere molto utile quando si tratta di "leggere" un'opera d'arte se siete un appassionato o quando si tratta di "personalizzare" un dipinto od una serie di opere se siete un artista. Ad esempio, il Blue Period di Pablo Picasso ha visto l'artista firmare il suo lavoro con un secondo nome come PR (o Ruiz) Picasso . Più tardi nella sua vita, quando entrò nel suo periodo analitico cubista, Picasso lasciò cadere le iniziali e sviluppò una firma diversa. Di conseguenza, lo storico dell'arte ha una scorciatoia incredibile ogni volta che incontra un'opera firmata da una delle due firme utilizzate da Pablo Picasso .


 

Una firma falsa può essere una buona cosa?


Sebbene le firme possano confermare ricerche ben fondate, cosa succede se un'iscrizione falsificata passa accidentalmente attraverso le analisi come vera e trasformare un falso in vero? La storia dell'arte è piena di casi di questo genere, con catene di eventi devastante e indurre in errore generazioni di storici dell'arte, per non parlare del fatto che può finire in un'asta a un certo punto e distruggere l'intero mercato. E se poi si considera che alle volte alcuni artisti non firmano l'opera subito dopo averla eseguita ma anche molto tempo dopo, si ha un ulteriore complicazione, perchè la firma è autentica, ma di data successiva, come alle volte faceva De Chirico, ad esempio. In alcuni casi si è verificato anche che l'artista famoso, apponesse la sua firma ad opere non sue attribuendosele con il risultato di una firma "autentica" su un opera falsa o imitata.

 

Firma di Lucio Fontana 

 

Le firme aggiunte sono un problema del mercato. Tendono a ricadere in uno di questi due campi: è stato creato un dipinto per imitare il lavoro di un artista, insieme a una firma imitata, o qualcuno potrebbe aggiungere una firma a un'opera autentica (ma che l'artista non firmò) in un secondo momento, al fine di  aumentarne il valore a volte in modo significativo.

La buona notizia è che la tecnologia contemporanea, con le sue analisi dei pigmenti e le luci UV, può aiutare molto su questo aspetto, ma, alla fine dei conti, come tutte le tecnologie c'è sempre bisogno di un occhio umano esperto perfarla funzionare, quindi avere esperti addestrati, che hanno familiarità con il lavoro dell'artista e la fluidità della firma sono vitali come sempre.

 

 

Le firme sono uniche e spesso rivelano qualcosa delle nostre personalità individuali. Segni dell'artista: firme e autoespressione nei dipinti americani è un libro intrigante su questo tema, pubblicao da John Wilmerding, un eminente storico delle arti americane, che esplora l'uso non convenzionale delle firme nei dipinti. L'autore si concentra su artisti americani che non hanno semplicemente firmato le loro opere su un angolo della tela, ma hanno intenzionalmente posto le loro firme all'interno dello spazio pittorico del dipinto. Il nome o le iniziali di un pittore potrebbero, ad esempio, apparire come un'illusione su una parete o un pavimento, su un oggetto all'interno di un interno o su una qualche forma in un paesaggio. Wilmerding esamina tali firme in opere di ventisette artisti dal XVIII al XX secolo.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts

BIENNALE D'ARTE DI VENEZIA: ECCO TUTTI I 79 ARTISTI PRESENTI

April 22, 2019

1/9
Please reload

Recent Posts
Please reload

Archive
Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square