MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

MADE - REPORT CONTEMPORARY ART MARKET 2017 - Quarta parte: La Finanziarizzazione

October 8, 2017

 

 

 

6 - La finanziarizzazione  dell'arte contemporanea

 

La spettacolare operazione finanziaria che ha coinvolto Untitled (1982) di Jean-Michel Basquiat (foto sotto) il 18 maggio 2017 illustra l'enorme potenziale finanziario dell'arte contemporanea. Acquisita l'8 maggio 1984 per $ 20,900, il dipinto ha recuperato $ 110,5 milioni (compresi) 33 anni dopo. In termini finanziari l'investimento iniziale ha generato un tasso di crescita annuale medio (AAGR) del + 29,6%, mentre il S & P 500 ha registrato un AAGR di + 6,5% nello stesso periodo.

 

 

Naturalmente, la progressione non era perfettamente lineare. Negli ultimi 17 anni, l'indice dei prezzi di Jean-Michel Basquiat (basato su tutti i suoi risultati d'asta, ovvero più di 1.100 lotti venduti), mostra una progressione irregolare. Infatti, anche se è molto impressionante, l'accrescimento di valore delle opere di Jean-Michel Basquiat è in realtà meno spettacolare di quello osservato sulle opere di un certo numero di altri artisti contemporanei, tra cui Christopher Lana e Albert Oehlen (foto sotto). Tuttavia, gli straordinari aumenti dei prezzi per questi due artisti implicano una minore stabilità nel lungo periodo.

Come abbiamo avuto modo di dire in un altro articolo, gli indici d'asta sono orientativi ma non completi perchè mancano gli indicatori del mercato privato che copre quasi il 60% del mercato reale.

 

 

L'investimento nell'arte contemporanea richiede l'analisi non solo del ritorno sugli investimenti, ma anche della volatilità dei prezzi e della liquidità del mercato delle opere.

 

Indice dei prezzi (selezione di artisti contemporanei) 
2000 - H1 2017
 

 

 

6.1 - Le prestazioni finanziarie dell'arte contemporanea

 

I prezzi dell'arte contemporanea seguono un'evoluzione molto più frastagliata rispetto ai prezzi per opere in altri periodi artistici. Le vendite dell'arte contemporanea godono regolarmente di periodi di intensa collezione ed entusiasmo seguiti da periodi di esitazione. Negli ultimi mesi, tuttavia, il segmento ha dimostrato che è oggi il principale driver dell'intero Mercato dell'arte (vedi capitolo Crescita rinnovata): mentre tutti gli altri segmenti (periodi artistici) mostrano evoluzioni stabili dei prezzi, l'arte contemporanea ha recuperato il suo dinamismo e vitalità .

 

Indice dei prezzi per periodi artistici - Base 100 gennaio 2000
 

 

Le opere acquistate e vendute tramite vendite pubbliche (che ci permettono di rintracciare le loro evolute evoluzione dei prezzi) forniscono preziose informazioni sulla redditività dell'arte. In effetti, le opere create dagli artisti contemporanei e vendute nel corso del 2016/2017 hanno dato un rendimento medio annuo di + 7,6% in un periodo di 8 anni.

 

Chrisopher WOOL Libro nero , 1989 

 

Per le opere acquisite sopra la soglia di $ 50.000, il rendimento annuo medio è pari all'8,7% per un periodo di 7 anni. Questa prestazione dimostra l'esistenza di un certo "effetto capolavoro", poiché il ritorno su opere più costose batte il ritorno sul resto del mercato (i lotti venduti al di sopra della linea di $ 50.000 rappresentano il 6% del volume totale delle transazioni). Si noti inoltre che il periodo di mantenimento medio su opere più costose è notevolmente più breve rispetto alle opere più economiche, suggerendo che le opere più costose circolino più facilmente.

 

Jean-Michel Basquiat, Untitled (Crown), 1982

 

L'effetto "capolavoro" è particolarmente chiaro con grandi artisti. Tra gennaio 2000 e luglio 2017, opere su tela di Jean-Michel Basquiat hanno generato una resa complessiva del + 1.000%, mentre le sue opere su carta (generalmente meno costose) hanno registrato una crescita del prezzo del + 560% e le sue stampe di solo il 4%. È dunque chiaro che le migliori opere generano i migliori rendimenti.

Nel complesso, le stime offerte dagli auctioneers tengono conto dell'andamento generale dei prezzi dell'arte contemporanea. Tuttavia, meno di uno su cinque lotti offerti effettivamente vende sopra l'alta stima. Infatti, in generale, le stime sono molto ottimistiche, in quanto circa due terzi di tutti i lotti vendono al di sotto del prezzo stimato ... o non vendono affatto (acquistati).

 

 

Distribuzione delle entrate d'asta d'arte contemporanea rispetto alle stime
 

 

 

6.2 - Volatilità dei prezzi

 

Tra gli accrescimenti più straordinari di valore negli ultimi 12 mesi, sono stati osservati diversi scenari molto diversi. Molte delle opere sono state acquisite da un lato dell'Atlantico o del Pacifico e ristampate dall'altra parte. Aumenti di valore eccezionali sono stati registrati per lavori acquistati oltre $ 200.000 e per opere acquistate per meno di mille dollari. Allo stesso modo per le opere di 20 anni e per le opere vendute entro lo stesso anno. In breve, non esiste una strategia infallibile ... ma piuttosto un'ampia gamma di operazioni che possono trarre vantaggio dall'evoluzione dei prezzi di un artista.

 

Top 10 accrescimenti dei prezzi - 2016/2017
 

          Artista                        Opera         Prima vendita            Seconda vendita

 

Jean-Michel BASQUIAT    Hannibal        $ 84.7005                    $ 13.411.2117 

Keith HARING                     Untitled          $ 5.05129                         $ 316.6809 

Franz WEST                       Die Mauer              $ 500                            $ 9.43523 

Robert GOBER                   Untitled             $ 6.0506                            $ 112.500

George CONDO                  Balletto blanc   $ 14.340                            $ 200.000 

Jim LAMBIE                       No. 9                       $ 750                                $ 8.750

Yoshitomo NARA               Untitled           $ 130.117                         $ 1.402.431

Glenn BROWN           La carne di pesca      $ 32.944                           $ 342.598

Albert OEHLEN                  Hand II             $ 213.650                        $ 2.167.500

Mike KELLEY          Pittura della grotta    $ 64.625                             $ 516.500

 

© madearti.org

 

Il dipinto The Creeping Flesh (1991 - foto sotto) dell'artista britannico Glenn Brown offre una perfetta illustrazione della costruzione dei prezzi dell'arte contemporanea. Creato quando l'artista era ancora al Goldsmiths College, il dipinto fu inizialmente acquisito da Charles Saatchi che lo ha incluso nella sua mostra Young British Artists V nel 1995. Nel febbraio 2001, la pittura è stata acquisita per 33.000 dollari dalla Cranford Collection di Londra che si è tenuta per i prossimi 16 anni e lo ha mostrato nell'installazione 01. 

 

 

Mentre la reputazione artistica di Glenn Brown cresce, così ha fatto il valore del dipinto sul mercato dell'arte occidentale. Nel 2004 è entrato nelle prestigiose gallerie Gagosian, Serpentine e Patrick Painter. Nel 2009, una prima grande mostra personale è stata montata presso la Tate Liverpool e poi trasferita alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino e al Ludwig Museum di Budapest. Nell'ottobre del 2016, subito dopo la fine di una mostra Glenn Brown alla Fondazione Vincent Van Gogh di Arles, la Cranford Collection decise di vendere alcuni se le sue opere attraverso Christie's in una vendita titolata Absobloodylutely! : La carne di pesca (1991) è stata una di esse, e ha recuperato 10 volte il suo prezzo originale.

 

 

Tuttavia, il mercato può anche essere "sconveniente" ... e il valore di un lavoro può cadere abbastanza improvvisamente. Nel 2014, una dozzina di quadri del giovane pittore Christian Rosa (nato nel 1982) sono stati offerti sul mercato secondario, recuperando un totale di circa $ 1 milione. Tuttavia, nonostante una mostra al White Cube di Londra, i suoi prezzi d'asta hanno cominciato a concludere l'anno successivo. Per il 2015, il suo totale annuo è diminuito del -50%. Nell'ottobre 2016, il suo dipinto Ruf Neck (2013) ha guadagnato $ 23.880 nonostante sia stato acquistato per sette volte quel prezzo meno di due anni prima.

 

 

Top 5 flop di prezzo - 2016/2017

 

            Artista                        Opera              Prima vendita            Seconda vendita

 

Christian ROSA                  Ruf Neck               $ 168.987                        $ 23.880

Dash SNOW                        Untitled                   $ 15.981                          $ 2.125

ZENG Chuanxing                Canzone                $ 339.938                         $ 40.481

Bose KRISHNAMACHARI   Untitled                   $ 27.500                           $ 3.101

ZENG Hao                5:00 del 3 aprile 1999     $ 100.958                          $ 9.653

 

© madeartis.org

 

6.3 - Liquidità delle opere d'arte contemporanee

 

Un altro scenario possibile è che i proprietari possono avere difficoltà a ristampare opere di alcuni artisti. Questa situazione è generalmente causata da un'asimmetria: l'offerta e la domanda non riescono a trovare un equilibrio.

 

Christian ROSA  Ruf Neck

 

Questo fenomeno non riguarda solo giovani artisti che godono di una popolarità improvvisa ma fugace. Molti artisti eminenti, come Yue Minjun, Rosemarie Trockel, Vik Muniz o addirittura Joe Bradley (foto sotto) hanno un tasso di invenduto (escludendo le stampe) di oltre il 40%. Per queste firme importanti, sono le opere "più piccole" che sono difficili da rivendere. Un altro esempio è Urs Fischer - una stella delle gallerie Gagosian e Sadie Coles - le cui statistiche sulle aste mostrano un tasso di invenduto del 60% per opere valutate sotto i 100.000 dollari, mentre tutte le sue opere valutate al di sopra della soglia di milioni di dollari hanno trovato compratori negli ultimi 12 mesi.

 

Joe Bradley

 

Tra gennaio 2016 e gennaio 2017, l'indice di prezzo di Keith Haring è sceso -30,9%. Tuttavia, l'organizzazione del Mercato dell'arte non consente ai collezionisti di prendere decisioni immediate in risposta a tali movimenti. Ogni anno, più di 500 opere di Keith Haring attraversano aste su un mercato molto selettivo. Il prezzo medio per i suoi dipinti è di circa 750.000 dollari e, per i suoi disegni, circa 72.000 dollari. 

 

 

Tuttavia nel 2016, il 48% dei lotti di Keith Haring (escluse le stampe) non è riuscito a vendere, vale a dire quasi la metà. Tra questi, un lavoro (foto sopra) su carta sans titre (1983) acquistato per 68.400 dollari a Cannes Enchères il 28 febbraio 2016 e riproposto per la vendita sette mesi dopo il 29 settembre 2016 da Sotheby's New York. Portando una stima di $ 60.000 - $ 80.000, il disegno è stato acquistato.

 

 

6.4 - Conclusione

 

Il mercato dell'arte è diventato strutturalmente efficiente negli ultimi 17 anni. Ma per assicurarsi di ottenere un interessante ritorno su una rivendita, dovete ancora tener conto - utilizzando gli indici dei prezzi e gli strumenti decisionali - la liquidità di ciascun artista, il suo volume annuale di vendite e di ovviamente la distribuzione geografica del mercato dell'artista.

 

 

In sintesi, l'arte contemporanea rappresenta un investimento alternativo e competitivo nei mercati finanziari, che dal 2007 non sono mai stati effettivamente recuperati. Infatti, nonostante i tassi di interesse bancari negativi e programmi di riduzione quantitativa, molte economie stanno lottando per evitare la deflazione.

 

 

Come per i mercati azionari, per ottenere un guadagno di capitale sull'arte contemporanea, è necessario seguire tutte le novità riguardanti i creatori delle opere della tua collezione. Infatti, proprio come i mercati azionari, i prezzi che un artista contemporaneo ottiene dipendono soprattutto dalle informazioni ... perché le informazioni sono essenzialmente il fattore primario della "creazione di valore", in tutti i sensi del termine.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts