MADE - REPORT CONTEMPORARY ART MARKET 2017 - Seconda parte: Le Mode del Momento

October 6, 2017

 

3 - Mode del momento

 

Una prima vendita pubblica ... un picco di domanda ... un rapido guadagno di capitale ... un nuovo record ... l'atteggiamento adottato dagli auctioneers ... e, soprattutto, i loro risultati ... tutti questi fattori forniscono indizi vitali sulle tendenze più recenti. Dall'intenso entusiasmo per l'arte africana alla scoperta di nuovi artisti cinesi ... vediamo quali sono i compratori attualmente interessati e il potenziale di questi mercati.

 

I 10 risultati di ricerca all'asta in Arte Contemporanea

 

            Artista                            Opera d'arte         Prezzo                      Casa d'aste


1   Jean-Michel BASQUIAT      Untitled (1982)    $ 110.487.500             Sotheby's NY
2   Jean-Michel BASQUIAT      La Hara (1981)      $ 34.967.500              Christie's NY
3   Peter DOIG                           Rosedale (1991)    $ 28.810.000                 Phillips NY
4   LUCIDO DI CHRISTOPHER  Untitled (1988)       $ 17.159.500              Christie's NY
5   Mark GROTJAHN                 Untitled (2011)       $ 16.767.500              Christie's NY
6  Peter DOIG (1959)                Cobourg 3 (1994)   $ 15.515.147      Christie's London
7 Jean-Michel BASQUIAT        Untitled  (1982)     $ 14.607.319      Sotheby's London
8  ZENG Fanzhi                         Mask Series          $ 13.516.074    Polonia Hong Kong
9 Rudolf STINGEL                     Untitled (2006)      $ 10.551.500              Christie's NY
10 LUCIDO DICHRISTOPHER    Untitled (2007)        $ 8.704.602    Sotheby's London

 

© madeartis.org


 

3.1 - La scena artistica tedesca

 

In un Top 500 mondiale dominato da artisti cinesi (32%), artisti americani (19%) e artisti britannici (8%), la Germania si distingue per il successo fenomenale dei suoi artisti all'estero.

 

Distribuzione dei Top 500 artisti contemporanei dai continenti

 

Nove artisti tedeschi figurano tra i Top 100 dal giro d'asta: Albert Oehlen e Anselm Kiefer (foto sotto) hanno fatto meglio della stella britannica Damien Hirst ; Günther Förg ha 13 ° posto davanti agli artisti famosi come Jeff Koons e Anish Kapoor , mentre Thomas Schütte, Martin Kippenberger, Neo Rauch, Wolfgang Tillmans, Thomas Struth e Rosemarie Trockel hanno prodotto notevoli risultati.

 

 

I mesi recenti sono stati particolarmente redditizi per Anselm KIEFER con una grande retrospettiva presso il Centre Pompidou di Parigi e non meno di otto risultati al di sopra della soglia di milioni di dollari dall'estate del 2016. Con quasi 24 milioni di dollari di fatturato, Kiefer ha pubblicato un record annuale prestazioni e prende il 12 ° posto nella classifica mondiale.

 

 

 

Abbiamo anche notato l'inflazione sui prezzi dei tre artisti seguenti: Rosemarie TROCKEL (foto sopra), il cui fatturato annuo è arrivato a 3,1 milioni di dollari, Günther FÖRG, il cui indice di prezzo è salito + 310% dal 2000 e Thomas SCHÜTTE, la cui scultura in bronzo ha generato più di 5 milioni di dollari nel mese di maggio 2017 a Christie's ( Bronzefrau Nr. I ).

 

 

 

C'erano anche due nuovi record, entro pochi mesi l'uno dall'altro, per il lavoro minimalista di Imi KNOEBEL (Grace Kelly - foto sopra - ha recuperato circa 465.000 dollari alla London's Christie il 6 ottobre 2016 e Revolver I venduto per oltre 461.000 dollari a Christie's Amsterdam l'11 aprile 2017). nel frattempo, sia Albert Oehlen cheWolfgang Tillmans stanno attualmente godendo inflazioni di prezzo importanti pure.

 

 

 

 

Infatti, questi ultimi due hanno pubblicato le più avanzate progressioni dei prezzi nell'arte contemporanea proveniente dalla Germania. Aumentato da uno spettacolo di New York al Gagosian (Paintings: Alberi , 28 febbraio - 15 aprile 2017), Alberto OEHLEN (foto sopra) ha avuto una grande domanda sul mercato secondario con almeno quattro nuovi record di asta nel 2017, alimentando un aumento di prezzo spettacolare ( il suo indice di prezzo mostra + 3,450% dal 2000). Il valore della sua Eine Prähistorische Hand II (una mano preistorica II)illustra perfettamente l'ascensione: acquistata per meno di 215.000 dollari nel 2010, ha venduto per 2,16 milioni di dollari al mese dopo la fine di Oleglen di Gagosian. Il Mercato dell'arte contemporanea è pertanto estremamente sensibile a 'notizie di prestigio', soprattutto se coinvolge importanti concessionari d'arte che oggi sono i veri creatori dei poteri dei prezzi degli artisti.

 

Indice dei prezzi per Albert Oehlen - Base 100 nel gennaio 2000

 

 

 

Mentre l'inflazione dei prezzi di Albert Oehlen è in parte dovuta all'effetto Gagosian, oltre a trenta altri market maker , quella di Wolfgang TILLMANS è stata sostanzialmente guidata dall'effetto combinato di una retrospettiva presso la Tate Modern e la Beyeler Foundation, per non parlare del suo arrivo alla Galleria David Zwirner l'anno scorso. Il primo fotografo che ha assegnato il Premio Turner (nel 2000), molto stimato in Germania dove insegna, Wolfgang Tillmans sta godendo la domanda di asta senza precedenti, con sette nuovi record nel 2017, di cui 784.000 dollari per una foto monumentale venduta a Phillips a Londra ( Freischwimmer # 84 , 238 x 181 cm, edizione 1/1, 29 giugno). Nel cuore di questa spirale verso l'alto, alcuni collezionisti hanno generato impressionanti plusvalenze di capitale.

 

 

Un'altra illustrazione dell'impatto positivo di una potente galleria può essere trovata con l'artista tedesca Katharina GROSSE (foto sopra), Esposta al Gagosian a New York da gennaio a marzo 2017, le sue opere astratte sono sempre più ricercate facendo nascere una frenesia di nuovi record d'asta è stata battuta in pochi mesi. Dal giugno 2017, l'artista ha un record di 154.000 dollari per la sua tela Ohne Titel che i collezionisti hanno offerto a quattro volte la sua alta stima. I suoi risultati quest'anno, per un totale di $ 1,1 milioni (da 24 opere vendute), l'hanno spinta nel Top 500 di Contemporary Art.

Oggi gli artisti tedeschi rappresentano il 6% dei 500 artisti del mondo, proprio dietro gli artisti britannici e rappresentano una delle più consolidate nazionalità sul mercato internazionale grazie ad un'eccellente diffusione dei loro lavori attraverso circuiti istituzionali e rivenditori di opere d'arte.

 

 

3.2 - Interesse per gli artisti africani

 

Le cifre annue rivelano un altro sotto-segmento caldo del Mercato dell'arte contemporanea sotto forma di ottimi risultati per gli artisti di origine africana. Guidati da una serie di eventi culturali, gli artisti del continente africano sono sempre più ricercati dai collezionisti e dai musei. Nel frattempo, le case d'asta stanno organizzando le vendite incentrate su questo promettente sottosegmento.

 

 

Top 10 artisti africani contemporanei

 

      Artista                       Nazione       Ricavi d'asta    Lotti venduti        Risultato


1    Njideka CROSBY          NG            $ 10.643.670            9                   $ 3.072.754
2    William KENTRIDGE    ZA            $ 5.185.884             121                   $ 437.006
3    Marlene DUMAS          ZA            $ 3.318.418              35                 $ 1.872.500
4    Julie MEHRETU            ET            $ 1.812.461              11                 $ 1.567.500
5    Chéri SAMBA               CG             $ 722.224                 20                    $ 140.280
6    Latifa ECHAKHCH       MA             $ 593.609                  7                     $ 154.688
7    Norman CATHERINE   ZA             $ 518.412                101                   $ 101.148
8    Wangechi MUTU          KE             $ 365.300                  6                     $ 187.500
9    MOKE                            CG             $ 344.704                 26                       $ 51.281
10    Ghada AMER              ET              $ 274.454                 6                        $ 92.157

 

© madeartis.org


Numerosi fattori contribuiscono all'emergere di artisti provenienti dall'Africa, tra cui una serie di importanti mostre, in particolare in Francia, dove la scena africana ha avuto molte notizie culturali e una buona copertura mediatica. Mostre come Beauté Congo alla Fondazione Cartier (2015) o Art / Afrique alla Fondazione Vuitton (2017) hanno recentemente dimostrato la straordinaria diversità della creazione africana e hanno notevolmente ampliato il pubblico.

 

Njideka Akunyili Crosby

 

Altrove, diverse iniziative commerciali hanno introdotto l'arte africana: l'Art Paris ha dedicato la sua edizione 2017 in Africa solo pochi mesi dopo la prima edizione di una fiera d'arte interamente focalizzata sull'arte africana a Parigi, AKAA (noto anche come Africa). Sia Cornette de Saint Cyr e Artcurial hanno risposto a questo entusiasmo organizzando vendite specializzate in arte africana.

 

 

Il mercato dell'arte contemporanea africana è in rapida espansione a Parigi, dove si sono verificati diversi impressionanti cambiamenti di prezzo, in particolare per l'artista congolese Chéri SAMBA (foto sopra).  All'età 61 anni, questo pioniere dell'arte contemporanea africana ha pubblicato l'anno scorso il suo miglior successo sul mercato dell'asta, con un fatturato annuo di oltre 722.000 dollari. Uno dei suoi dipinti Le seul et devoir unico sacré d'un enfant ha recuperato dieci volte la sua stima il 12 giugno 2017 a Cornette de Saint Cyr quando è stato martellato giù ad un record di $ 140.000 $. Questa performance annuale mette Samba al 5 ° posto nella classifica di artisti di origine africana, dietro Marlene Dumas e Julie Mehretu.

 

 

Londra è un altro punto di riferimento importante per l'emergere di questo mercato. Nel 2013 Touria El Glaoui ha lanciato 1:54 come una scadenza alla Fiera dell'arte del Frieze. La prima fiera interamente dedicata all'arte africana contemporanea, entro quattro anni 1:54 è diventato un appuntamento sempre più successo e seria. L'espansione della fiera di New York dal 2015 e di Marrakech nel febbraio 2018 suggerisce fortemente che l'evento sta rispondendo alla crescente domanda internazionale.

 

 

Le case d'asta di Londra stanno anche partecipando all'emulazione con un crescente numero di vendite specializzate. Dopo quelli organizzati da Bonhams, Sotheby's ha lanciato un programma simile che sembra probabilmente avere successo. Sicuro nel potenziale del sottosegnalamento, l'operatore d'asta americano ha ospitato la sua prima vendita di arte africana moderna e contemporanea a Londra il 16 maggio 2017, generando 3,6 milioni di dollari. Questa prima vendita rifletteva l'enorme diversità creativa dell'Africa con opere di Yinka SHONIBARE (foto sopra), Irma Stern,  Pascale Marthine TAYOU, Kader ATTIA e El Anatsui, l'unico artista africano che ha ottenuto riconoscimenti internazionali senza lasciare l'Africa.

 

 

Anatsui (foto sopra) è ancora un caso unico perché gli artisti di prim'ordine africani hanno generalmente vissuto in Occidente da molti anni: il Marlene DUMAS sudafricano è arrivato in Olanda nel 1976 e ha avuto una reputazione internazionale per 25 anni (Documenta IX nel 1992, Biennale di Venezia 1995); nato in Etiopia, Julie MEHRETU giunse a Michigan quando era sette e si trasferì a New York quando era di 30 anni. L' AMER egiziano Ghada arrivò in Francia all'età di 11 anni e si trasferì a New York dopo i suoi studi e il Wangechi MUTU keniano si trasferì a Brooklyn ... Questi artisti, con carriere internazionali ben consolidate, stanno attualmente impegnando prezzi elevati.

 

 

Ma l'arte contemporanea africana nel suo complesso è ancora un mercato giovane che subisce molti cambiamenti. È quindi un buon punto di partenza per una collezione, con numerose opere accessibili a meno di 3.000 dollari, come quelle dell'artista angolare Francisco VIDAL o quelle del giovane cassetto congolese Steve BANDOMA (foto sotto). Un bilancio compreso tra $ 8.000 e $ 10.000 dà accesso a dipinti del MOKE congolese   (9 ° nella classifica ACA) il cui lavoro deve ancora penetrare nel mercato statunitense, ma il cui mercato è molto attivo in Francia. Tuttavia i prezzi stanno aumentando rapidamente; l'artista Beninal Romuald HAZOUMÉ (foto sopra) è un caso: i suoi prezzi sono raddoppiati in meno di 10 mesi.

 

 

L'espansione del Mercato dell'arte contemporanea per includere creatori di origine africana sta favorendo l'emergere di nuovi acquirenti, in particolare a Johannesburg, Città del Capo e Lagos. I collezionisti sudafricani, per esempio, sono i principali acquirenti di opere di Norman Clive CATHERINE (86% del suo fatturato dal 2000 - foto sotto-). Allo stesso modo per la firma altamente internazionale William Kentridge con Johannesburg e Città del Capo rappresentano più del 40% del fatturato dell'asta dell'asta.

 

 

Al centro di questa nuova tendenza africana, un giovane artista ha recentemente fatto un ingresso straordinario al mercato secondario: Njideka Akunyili CROSBY ( vedi capitolo sulla parità tra i sessi nel mercato dell'arte ) è il numero 1 in numerose classifiche dei nostri artisti, tra cui il nostro i migliori risultati per gli artisti africani e i nostri migliori esordi in asta (miglior primo anno sul mercato delle aste) .

 

 

3.3 - Gli artisti cinesi dominano la classifica dei migliori debutto in asta