MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

MADE - REPORT CONTEMPORARY ART MARKET 2017 - Terza parte: Verso la parità di genere

October 7, 2017

 

5 - Verso la piazza d'arte il parità di genere ...

 

Il genere influisce sul valore di un artista? Con le donne che rappresentano solo il 14% degli artisti Top 500 contemporanei al mondo dal giro d'asta, il mercato dell'arte contemporanea sembra certamente dominato dagli uomini. Tuttavia, se guardiamo gli artisti nati dopo il 1980, la percentuale di donne aumenta al 31%. Quindi ... il mercato sta lentamente verso la parità di genere, anche se lo squilibrio è ancora sostanziale.

 

Distribuzione dei Top 500 Artisti contemporanei divisi per genere e quelli nati dopo il 1980

 

 

 

Trenta anni fa un gruppo di artisti femministi che si chiamavano le Guerrilla Girls hanno pubblicamente denunciato il flagrante dominio degli artisti maschi nelle collezioni dei musei. Il loro slogan era - Le donne devono essere nude per entrare nel Museo Metropolitano? - ha colpito il segno: le donne sono rappresentate nei musei molto più come oggetti nudo che come soggetti creativi.

 

 

Sotto-rappresentate nelle istituzioni culturali, le donne sono anche state emarginate anche nella sfera commerciale. Il risultato è un enorme divario tra il valore delle opere di artisti maschili e di artisti femminili, proprio attraverso il mercato. Nel 2015, uno studio condotto dal curatore americano Maura Reilly ha mostrato che solo un quarto delle mostre retrospettive organizzate a Londra Tate Modern avevano artisti femminili come protagonisti. Dalla pubblicazione di tale studio sembra che alcuni musei prestigiosi, come il MoMA e il Whitney, stanno cercando di correggere questo squilibrio. Numerosi importanti artisti femminili hanno recentemente goduto di importanti mostre nei musei chiave e alcuni importanti premi sono stati assegnati a artisti femminili.

 

 

Nel settembre del 2016 l'artista francese Annette MESSAGER (foto sopra) è stata premiata con il Praemium Imperiale, equivalente francese del Premio Nobel in Arte. Nel maggio del 2017 Carolee SCHNEEMANN (foto sotto), pioniere dell'arte femminista in arte, ha ricevuto un Leone d'oro in riconoscimento della sua carriera artistica alla Biennale di Venezia. Tra ottobre 2017 e febbraio 2018, la MoMA PS1 sta organizzando una prima retrospettiva negli Stati Uniti per Carolee Schneemann.

 

 

Al vertice del Mercato dell'arte, alcuni record d'asta recenti sembrano suggerire che il sesso non è più un fattore decisivo di valutazione. Una fotografia emblematica di Richard Prince ha generato un nuovo record; ma non è riuscito a recuperare il record di Cindy Sherman per una fotografia firmata.

 

 

Alcuni artisti femminili (non molti) hanno raggiunto prezzi comparabili con i loro omologhi maschi. La nostra classifica dei migliori 500 artisti contemporanei rivela numerosi risultati a 7 cifre per opere di Njideka Akunyili Crosby, Cecily Brown, Cindy Sherman, Marlene Dumas, Rosemarie Trockel, Christine Ay Tjoe e Julie Mehretu . Promossa dalla Gagosian, Cecily Brown (foto sotto) ha visto un notevole successo d'asta con un indice di prezzo + 456% dal 2000. E con un giro d'asta di non meno di 7,39 milioni di dollari in un solo anno, ha superato Cindy Sherman con la 28esima posizione in classifica mondiale di artisti contemporanei.

 

 

Evoluzione delle entrate dell'asta per Njideka Akunyili Crosby
 
 
 

 

La più giovane in questa breve lista di artisti femminili di successo, Njideka Akunyili CROSBY, ha fatto il debutto migliore dell'asta dell'anno e è diventata l'artista femminile più in alto della Top 500 ... dopo 21 artisti maschi. Introdotta al mercato secondario meno di un anno fa, la sua performance annuale (10,6 milioni di dollari) è ancora più forte rispetto ad artisti ben consolidati come Takashi Murakami o Miquel Barceló. Di origine nigeriana, ma vivente a Los Angeles, Crosby ha esposto al Whitney nel 2016 e ha vinto il premio Canson dal Centro di disegno a New York dello stesso anno. 

 

 

Quella chiave magica le fece una residenza con l'artista Tungae la conseguente notorietà ha avuto un impatto immediato sui suoi prezzi, soprattutto quando la sua prima comparsa in asta avvenne poco prima che la Galleria Victoria Miro di Londra aprisse una mostra sul suo lavoro. Galvanizzati da tanti segni positivi, i collezionisti hanno battuto il suo primo lavoro (un disegno) per colpire il mercato secondario: il lavoro ha recuperato più di 93.000 dollari nel settembre 2016 a Sotheby's a New York. Meno di un anno dopo, di 35 anni, Crosby ha un record d'asta di oltre 3 milioni di dollari (Christie's London, The Beautyful Ones , marzo 2017) ed è rappresentato alla Biennale di Venezia con un grande disegno e collage dal titolo Cassava Garden (2015) esposto alla Biennale di Montreal.

 

 

Un'altra artista femminile con straordinario successo sul mercato secondario è l'indonesiano Christine AY TJOE (foto sopra) la cui ascesa ha già annullato il record d'asta a 7 cifre del suo compatriota Nyoman Masriadi. Il 28 maggio 2017 a Hong Kong, Phillips ha venduto le sue piccole mosche e altre ali dieci volte sopra la stima per un risultato finale di 1,5 milioni di dollari. Questo record dà a Christine Ay Tjoe il 65 posto nella nostra classifica mondiale Top 500 di artisti contemporanei con un fatturato annuo, con un totale annuo di 2,9 milioni di dollari. La sua decennale progressione è notevole: la sua opera Generazione 01, ( foto sotto) che ha recuperato $ 4.009 da Christie's a Hong Kong il 26 novembre 2006, ed è stato rivenduto per $ 88.550 dieci anni dopo (Christie's Hong Kong, 29 maggio 2016).

 

 

Con una laurea in arti grafiche e stampa presso l'Istituto di Tecnologie di Bandung, Christine Ay Tjoe ha iniziato ad attirare l'attenzione negli anni 2000 (Biennale di Pechino nel 2003) e successivamente ha confermato la sua reputazione internazionale con una mostra alla Saatchi Gallery di Londra nel 2011 e un altra alla White Cube nel 2016. Si distingue dai suoi compatrioti figurativi perseguendo pittura astratta, ma anche perché è l'unica donna indonesiana ad avere una carriera artistica di successo.

 

 

Con il mercato dell'arte così sensibile alle "notizie culturali", i musei svolgono un ruolo importante nella dinamica dei risultati del mercato d'asta. Dato l'impulso sostanziale da una mostra intitolata After Metamorphoses al centro di disegno a New York, Amy SILLMAN (foto sopra) ha raggiunto il 150 ° posto nella classifica mondiale lo scorso anno. Il suo nuovo record riflette notevoli infatuazioni sul mercato: la sua tela «P» ha portato cinque volte la sua stima, a $ 504.500 il 18 novembre 2016 da Sotheby's. Con un fatturato annuo di 930.000 dollari, Sillman ha superato un artista come Tauba AUERBACH il cui mercato secondario di vendite è notevolmente rallentato ($ 925.000) dopo un ottimo totale di $ 6 milioni nel 2015/2016.

 

 

L'annuncio di una grande mostra ha anche guidato le vendite d'asta di opere di Laura OWENS (foto sotto) quest'anno passato. Uscendo dalla scena californiana, Laura Owens è emersa alla fine degli anni '90 con il sostegno di Sadie Coles a Londra e Gavin Brown a New York. Le notizie di una prossima prima retrospettiva presso il museo Whitney (10 novembre 2017 - 4 febbraio 2018) hanno già aumentato i suoi prezzi, con due nuovi record superiori a 340.000 dollari dal novembre 2016.

 

 

Due anni fa l'artista americana Jacqueline HUMPHRIES (foto sotto) ha avuto più o meno la stessa traiettoria del mercato dopo che il museo Whitney ha espresso interesse per i suoi dipinti astratti. Guidati dalla prospettiva di uno spettacolo di Whitney, i prezzi delle sue migliori opere triplicarono e si quadruplicarono fino alla soglia di $ 100.000 (un record) per una tela acquisita per soli $ 1.200 nel 1994 ( 95% , Phillips, il 15 maggio 2015) ...

 

 

Anche se negli ultimi quattro o cinque anni alcuni artisti femminili hanno iniziato a recuperare i prezzi in parità con le loro controparti maschili, c'è ancora un divario sostanziale tra i due sessi. Il primo (e unico) risultato al di sopra della soglia di 10 milioni di dollari, per Louise Bourgeois, risale al 2015; mentre Jeff KOONS - 44 anni più giovane dell'artista franco-americana - ha già avuto quindici risultati a 8 cifre al suo nome nel 2007.

 

 

Allo scopo di ridurre questo divario, alcuni musei e gallerie hanno recentemente organizzato esposizioni che riuniscono opere esclusivamente da artisti femminili (MoMA, Making Space: Artisti femminili e Astrazione postbellica , la Galleria Saatchi a Londra con Champagne Life nel 2016) approcci per correggere lo squilibrio e generare esposizione sul mercato per questi artisti. Tuttavia, gli artisti stessi non vogliono essere ridotti a una categoria basata sul sesso. Ciò avrebbe inesorabilmente portato ad un'altra forma di sessismo perché alla fine le donne dovrebbero godere degli stessi vettori di riconoscimento come gli uomini ... cioè perché sono bravi artisti e non perché sono donne.

 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI:

 

 

 

 

 

  •  

Please reload

Featured Posts

BIENNALE D'ARTE DI VENEZIA: ECCO TUTTI I 79 ARTISTI PRESENTI