MADE Artis Comunicatio

via larga 25 - 40124 Bologna - Italy

YOUNG ART COLLECTORS. Chi sono i primi 12 che si sono fatti già un nome

January 19, 2018

 

 

Le gallerie e case d'asta di tutto il mondo sono sempre alla ricerca di collezionisti d'arte emergenti da portare all'ovile. Con il boom del mercato dell'arte negli ultimi anni, c'è stata una proliferazione di giovani collezionisti  a livello internazionale con la passione per l’arte dopo averne segnalato le differenze di approccio al mercato che li contraddistinguono rispetto ai collezionisti esperti nel precedente articolo (qui).

 


Vediamo chi sono e conosciamoli personalmente, almeno i primi 12.
I giovani collezionisti d'arte sono definiti come professionisti che hanno meno di 40 anni e sono attivamente impegnati nel mercato dell'arte. Questi giovani professionisti sono presenti in tutto il mondo, dalla Cina e dalle Filippine, negli Stati Uniti e in Messico. Molti iniziano giovani, alcuni con una passione intrinseca per le arti, mentre altri sono influenzati dal coinvolgimento da parte dei loro genitori nel mondo dell'arte essendo collezionisti stessi.

 

 

 

Il mito che questi giovani collezionisti sono estremamente colti è una mezza verità. Emma Hall, classificata al primo posto tra i "12 collezionisti d'arte da tenere d'occhio" di artnet, proviene da una famiglia di collezionisti d'arte, mentre Mohammed Afkhami (5 ° classificato), è un finanziere iraniano e appassionato d'arte contemporanea mediorientale, ha iniziato a collezionare acquistando e vendendo opere d'arte al prezzo di circa $ 300- $ 500 dollari. Ora è uno dei più grandi collezionisti di arte mediorientale. I giovani collezionisti tendono a cercare l'arte sottovalutata e le blue chips meno conosciute. Nonostante sia un investimento più rischioso, i rendimenti possono essere molto gratificanti.

 

 

Un'altra tendenza tra i giovani collezionisti d'arte è che iniziano giovani. Michael Xufu Huang e Tiffany Zabludowicz, rispettivamente al n. 8 e al n. 9, hanno iniziato all'età di sedici anni. Michael è ora il co-fondatore di un museo di arte contemporanea indipendente senza scopo di lucro a Pechino, M WOODS .
Molte istituzioni artistiche affermate in tutto il mondo sono consapevoli del valore di questa prossima generazione di collezionisti d’arte, e li coinvolgono nei loro piani. Ad esempio, è stato fondato il Young Collector's Council del Guggenheim (
vedi), i membri godono di numerosi vantaggi, tra cui l'ingresso gratuito ai musei e alle fiere d'arte, musei privati e gallerie, ed anche un seggio al Comitato di acquisizione YCC che vota nuove acquisizioni di musei e molti altri vantaggi.

 

 


Anche le banche sono consapevoli della loro incidenza sul mercato. Numerosi seminari di gestione patrimoniale e persino simulazioni di aste per bambini di Ultra High Net Worth Individuals (UHNWI). Secondo un sondaggio sulla fiducia degli Stati Uniti , gli HNWI con meno di 50 anni sono più propensi a considerare l'arte come un investimento, mentre coloro che hanno più di 50 anni trattano l'arte come parte della propria immagine e stile di vita. Pertanto, i più giovani collezionisti d'arte sono più disposti a comprare e vendere i loro pezzi d'arte, mentre le generazioni più anziane hanno la tendenza a tenerli.

 

 

Le generazioni più giovani introducono di conseguenza anche una nuova ondata di tecnologia al mercato. Le app mobili hanno aperto nuove possibilità per il mondo dell'arte. Molti appassionati d'arte usano notifiche o avvisi per scoprire quando un artista di interesse andrà all'asta. Secondo quanto riferito, Artsy ha venduto un'opera d'arte per $ 1,4 milioni sulla sua app mobile. Negli ultimi 5 anni sono apparse diverse case d'asta online, le più conosciute tra quelle che sono Paddle8, Artsy e artnet. Christie's e Sotheby's hanno anche preso la loro piattaforma d'asta online con i loro Christie's LIVE e Sotheby's BIDnow.
 

 

Qui di seguito i 12 collezionisti che si sono fatti gia un nome nel mondo selvaggio e in continua evoluzione dell'arte.
 

 


1. Emma Hall il suo amore per l'arte è di nascita - i suoi genitori sono i mega-collezionisti Andy e Christine Hall, il cui solo museo per l'appuntamento Vermont, la Hall Art Foundation, presenta opere di Anselm Kiefer , Georg Baselitz e Joseph Beuys .
Hall ha iniziato la sua carriera nel mondo dell'arte lavorando a Christie's, Sotheby's e Haunch of Venison e ora gestisce progetti speciali e comunicazioni nel museo di famiglia. È anche appassionata di pittura. "Mi piace sentire la presenza dell'artista nel lavoro. Mi piace sentire il colore e l'emozione nell'arte ", ha detto a Artinfo nel 2012

 

 

 

 


2. Robbie Antonio Imprenditore immobiliare, ha riempito la sua casa di Manila con una collezione d'arte in rapida espansione piena di artisti del calibro di Damien Hirst , Francis Bacon , Takashi Murakami e Jeff Koons . È stato definito "il più grande collezionista delle Filippine" da Larry's List, si definisce amico di Marina Abramović, e spera di superare Peter Brant in commissioni di ritratti da artisti di blue-chip.
to di Fabiola Beracasa : Clint Spaulding / Patrick McMullan.

 

 

 

 


3. 
Fabiola Beracasa Beckman, la cui madre è Hearst, ereditiera di Victoria Hearst, è una produttrice cinematografica, filantropo e direttore creativo/ comproprietario della galleria Hole. Fa anche parte del consiglio di amministrazione del Fondo per la produzione artistica. Inutile dire che  la Beracasa possiede anche un'impressionante collezione d'arte, che vanta nomi come Matthew Stone, Genesis P-Orridge, Rob Pruitt e Aurel Schmidt.

 


 

 
4. Aarti Lohia
. Nata e cresciuta a Singapore, negli ultimi cinque anni ha collezionato opere d'arte di artisti indiani "blue-chip" come Bharti Kher,  MF Husain ,  Subodh Gupta e Dayanita Singh, oltre a ad un numero crescente di artisti con sede a Singapore e altrove.
"Cerco l'immaginazione e l'inventiva e sono spesso attratta da pezzi che hanno un senso di memoria opprimente, sia visivo che tattile", ha raccontato allo Straits Times .

 

 

 


5. Mohammed Afkhami
 Finanziere di origini iraniane e amante dell'arte Mohammed Afkhami, che ha collezionato arte contemporanea mediorientale per oltre un decennio, è stato identificato  molte volte come uno dei principali attori del mercato nel Medio Oriente.
"[Un] mio amico mi ha chiamato e ha detto: 'Guarda, c'è una scena artistica iraniana fiorente. Vieni a dare un'occhiata ad alcune di queste gallerie". Così sono andato con lui e mi ha portato in queste gallerie. E ho comprato i miei primi pezzi ", ha detto a Ibraaz . “Intendo dire, che questi erano pezzi da $ 300, $ 400 o $ 500. E in Occidente, il mercato è molto più fiorente, così li ho rivenduti proprio su questi mercati facendo ottimi profitti, e sono tornato per prenderne altri”
 

 

 

 


6. Daniela Hinrichs, curatrice, commerciante, imprenditrice e fondatrice della piattaforma di commercio online  DEAR Photography , ha un occhio attento per tutto ciò che riguarda il cinema.
Hinrichs ha progettato la piattaforma con la speranza di ispirare i proprio i giovani collezionisti a fare il grande passo. È una coerente, predica il collezionare e lo pratica personalmente: ”Non lasciarti coinvolgere nelle discussioni su ciò che l'arte è e non è. Compra l'opera d'arte che ami ma solo dopo averla guardata per la centesima volta", consiglia sul suo sito .
 


 

 


7. Amar'e Stoudemire è meglio conosciuto per le sue performance professionali sul campo da basket, ma ha messo in chiaro che è anche deciso a farsi un nome come un collezionista d'arte "legittimo e serio".
Stoudemire, che è stato avvisto durante l'Art Basel di quest'anno a Miami Beach, possiede opere di collezionisti come Jean-Michel Basquiat e Andy Warhol , nonché  Rob Pruitt , Retna e Hebru Brantley.

 

 

 



8. Michael Xufu Huang, è un collezionista nato a Pechino e fondatore del museo non-profit M WOODS, è in realtà ancora uno studente dell'Università della Pennsylvania, che fa frequenti pellegrinaggi a New York in musei e gallerie per arricchire la sua collezione.
"Ho iniziato a collezionare quando avevo sedici anni", ha detto a Linda Yablonsky ad  Artforum.

 

 

 

 


9. Tiffany Zabludowicz è un'altra studentessa universitaria che ha iniziato a collezionare a 16 anni, anche se con il cognome Zabludowicz, nessuno è troppo sorpreso.
Si è rapidamente fatta un nome nel mondo dell'arte non solo come un collezionista benestante, ma anche come curatrice , ex stagista del MoMA PS1 e editorialista occasionale di Artspace.

 

 

 

 


10. Sharmin Parameswaran Curatorice malaysiana è stata soprannominato "una dei curatori d'arte più ammirati del paese" dalla rivista locale  Women's Weekly .
Sta seguendo le orme del padre del suo collezionista, Dato N. Parameswaran, l'ex ambasciatore della Malesia in Vietnam. Nel 2012, ha lanciato  lo spazio artistico Interpr8 , uno spazio espositivo a Kuala Lumpur con una grande collezione di arte malese e del sud-est asiatico.


 

 


11 e 12. Patrick e Lindsey Collins
, CEO di Cortez Resources, con sede in Texas, e sua moglie Lindsey hanno iniziato a comprare arte diversi anni fa con un dipinto di Ryan McGinness, e ora hanno una vasta collezione con Tom Burr, Jill Magid, Dan Finsel e Pedro Reyes.
"Ci interessano molto gli artisti e le relazioni che abbiamo instaurato e aiutare le persone della nostra generazione a capire cosa vogliono fare in termini di lavoro", ha detto Patrick alla rivista D nel 2015.

 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI:

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Featured Posts